Immagine Torrido o Afoso? Perché fa così caldo... quando fa caldo
Tanti sono gli ingredienti che concorrono a definire e a determinare "che caldo fa". Oltre, naturalmente, a considerazioni soggettive (per qualcuno fa caldo... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteogramma di Ancona (WRF)
Il Meteogramma per la località di Ancona. E' l'andamento nel tempo per le ore o i giorni... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 3hSnow (ita - backup 2)
Backup mappa sull'Italia modello WRF con altezza dello zero termico e l'accumulo di neve (in cm)... Leggi tutto...
Immagine Quota Neve: come l'umidità può influenzare il destino di un fiocco
Abbiamo già approfondito in e come sia sottile la fascia che separa le zone con sola neve da... Leggi tutto...
Immagine La terribile eruzione del vulcano Pinatubo
Il Pinatubo è un vulcano delle Filippine, nell’isola di Luzon, circa 80 km a nord-est di... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Frosinone (Frosinone)
Webcam Frosinone, (FR), regione Lazio. Panorama sulla città offerto da frosinonemeteo.it e... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Capaci (Palermo)
Webcam a Capaci, in provincia di Palermo (PA), regione Sicilia. 

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Frittelle di San Giuseppe (Zeppole)

FRITTELLE DI SAN GIUSEPPE

"Zeppole"


Zeppole di San Giuseppe

Ingredienti per 4 personePreparazioneCotturaNote
250 ml di acqua
150 gr di farina
50 gr di burro
50 gr di zucchero
3 uova
olio di semi di arachidi per friggere
sale

Crema pasticcera per farcire
30 minuti15 minuti


Frittelle di San Giuseppe, anche chiamate "Zeppole": chiamatele come volete, ma questa bontà, tipica della festa del papà rende felici grandi e piccini, scapoli e ammogliati, papà e non. Non c'è ricorrenza di San Giuseppe senza “Zeppole”.

I racconti narrano che, dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera e, per questo motivo, i romani gli diedero il simpatico appellativo di “frittellaro”.

Ed è per questo che vengono preparate il giorno della “festa del papà”: vengono preparate per festeggiare e celebrare la figura di San Giuseppe.

In un tegame portare a bollore l'acqua insieme al burro; quando questo sarà sciolto, togliere dal fuoco e aggiungere la farina tutta in una volta.

Rimettere a scaldare a fuoco lento mescolando rapidamente con una frusta fino a quando l'impasto sarà compatto e si staccherà dalle pareti del tegame.

Togliere dal fuoco e incorporare un uovo alla volta, quindi unire la scorza grattugiata di mezzo limone e mescolare bene.

In una padella abbastanza fonda scaldare l'olio. A cucchiaiate prendere parte dell'impasto e affogarlo nell'olio bollente, fino a formare delle sfere di medie dimensioni.


Far asciugare su carta assorbente, spolverare di abbondante zucchero a velo e servire le frittelle ancora tiepide. La tradizione vuole che si debbano farcire con crema pasticcera, aiutandosi con una sach-à-poche...

Auguri a tutti i papà del mondo!

A cura di Adelita De Berardinis

Stampa