Immagine Rapporto NOAA sul 2013: quarto anno più caldo dal 1880
A quanto pare il 2013 ha quasi raggiunto il podio per quanto riguarda la "classifica" degli anni più caldi dal 1880.Almeno stando al rapporto annuale del NOAA... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Webcam - Viterbo
Webcam a Viterbo (VT), regione Lazio. Vista direzione Ovest, con la cupola di Santa Rosa. By... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Lignano Sabbiadoro (Udine)
Webcam Lignano Sabbiadoro, in provincia di Udine (UD), regione Friuli Venezia Giulia.... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 7 - I MODELLI FISICO-MATEMATICI E LA PREVISIONE DEL TEMPO
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Aosta
20 corse del modello americano GFS creano un gruppo chiamato spaghetti. Ovvero l'Ensemble con... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 850hPa 48h Diff (ita) - ARW by GFS
Modello WRF-ARW (dati GFS) sull'Italia, dove è rappresentata la differenza di temperatura (altezza... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Frittelle di San Giuseppe (Zeppole)

FRITTELLE DI SAN GIUSEPPE

"Zeppole"


Zeppole di San Giuseppe

Ingredienti per 4 personePreparazioneCotturaNote
250 ml di acqua
150 gr di farina
50 gr di burro
50 gr di zucchero
3 uova
olio di semi di arachidi per friggere
sale

Crema pasticcera per farcire
30 minuti15 minuti


Frittelle di San Giuseppe, anche chiamate "Zeppole": chiamatele come volete, ma questa bontà, tipica della festa del papà rende felici grandi e piccini, scapoli e ammogliati, papà e non. Non c'è ricorrenza di San Giuseppe senza “Zeppole”.

I racconti narrano che, dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera e, per questo motivo, i romani gli diedero il simpatico appellativo di “frittellaro”.

Ed è per questo che vengono preparate il giorno della “festa del papà”: vengono preparate per festeggiare e celebrare la figura di San Giuseppe.

In un tegame portare a bollore l'acqua insieme al burro; quando questo sarà sciolto, togliere dal fuoco e aggiungere la farina tutta in una volta.

Rimettere a scaldare a fuoco lento mescolando rapidamente con una frusta fino a quando l'impasto sarà compatto e si staccherà dalle pareti del tegame.

Togliere dal fuoco e incorporare un uovo alla volta, quindi unire la scorza grattugiata di mezzo limone e mescolare bene.

In una padella abbastanza fonda scaldare l'olio. A cucchiaiate prendere parte dell'impasto e affogarlo nell'olio bollente, fino a formare delle sfere di medie dimensioni.


Far asciugare su carta assorbente, spolverare di abbondante zucchero a velo e servire le frittelle ancora tiepide. La tradizione vuole che si debbano farcire con crema pasticcera, aiutandosi con una sach-à-poche...

Auguri a tutti i papà del mondo!

A cura di Adelita De Berardinis

Stampa