Immagine Webcam - Torino (Torino)
Webcam Torino, panorama dello splendido capoluogo della regione Piemonte. Su Centrometeo solo webcam selezionate!

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Meteo e Clima in Provincia di Pescara
Meteo e Clima in Provincia di Pescara, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Aosta
Meteo e Clima in Provincia di Aosta, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Webcam - Scanno - Passo Godi (L'Aquila)
Webcam Passo Godi, Scanno (AQ), regione Abruzzo. Panorama verso Est, Monte Serra Rocca Chiarano
Immagine METEOSAT | La Terra vista dallo Spazio
Meteosat: la Terra vista dallo spazio con il satellite MSG (Meteosat Second Generation)...
Immagine WRF Wind 10m (tuscia-orvietano)
Modello WRF-NMM per la zona tuscia e orvietano con la tipica carta dei venti previsti a 10 metri.... Leggi tutto...
Immagine WRF Delta Theta (nord)
Mappa Nord Italia del modello non idrostatico ad alta risoluzione WRF NMM con i venti a 300hPa e il... Leggi tutto...

Pan di mela

PAN DI MELA

"Non sprecone"


Pan di mela

Ingredienti per 4 personePreparazioneCotturaNote

260 gr di farina tipo 00
260 gr di farina integrale
Un cubetto di lievito di birra
3 cucchiai di miele
2 mele
300 ml di acqua
Sale

30 minuti60 minuti


Il Pan di mela non è un semplice dolce, non è un semplice pane, è anche "non sprecone" in quanto aggiunge l’idea del recupero del calore del forno dove si può cucinare anche altro.

Sciogliete il lievito in 300 ml di acqua tiepida alla quale avrete aggiunto un cucchiaio di miele e un pizzico di sale.

Sbucciate le mele, tagliatele a pezzi e mettetele in una terrina, versateci sopra tutta la farina e, l’acqua tiepida con il lievito.

Aggiungete altri due cucchiai di miele e mescolate bene fino ad ottenere un impasto morbido. Fate riposare per almeno tre ore in un luogo tiepido.

Formate una palla e disponetela su una teglia imburrata.

Cuocete per circa un’ora in un forno già caldo a 180° (approfittate del forno ancora caldo se vi è stata cotta prima un’altra pietanza).


A cura di Adelita De Berardinis