Immagine Temporale del 7 Aprile su Milano: il primo del 2012
Documentato dal nostro Davide Santini il primo temporale del 2012 sul milanese, il 7 Aprile. Una stagione temporalesca finalmente arrivata...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine GFS MSLP - 500hPa Temp Italia
GFS MSLP a 500hPa e temperatura: una delle mappe più importanti dal modello gfs Italia, con la... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 6hPrec (sard)
Classica mappa del modello WRF con accumulo delle precipitazioni (in 6 ore) sulla Sardegna e la... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Udine
Meteo e Clima in Provincia di Udine, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Vicenza
Meteo e Clima in Provincia di Vicenza, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli
Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli. Un saggio dedicato a tutti coloro che desiderano... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
Cosa sanno le nuvole? E' il nuovo libro del Capitano Paolo Sottocorona, grande Meteorologo e... Leggi tutto...

Il Centro di Calcolo | Modelli, Mappe e Grafici

A disposizione di clienti, utenti e appassionati, i prodotti realizzati dal centro di calcolo meteorologico Centrometeo.


Perno centrale dell'elaborazione delle mappe di previsione è il modello ad area limitata (LAM) WRF-NMM (Weather Research and Forecasting - Nonhydrostatic Mesoscale Model).

Sviluppato  dal National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) e dal National Centre for Environmental Prediction (NCEP), tale modello rappresenta lo stato dell'arte nel campo della simulazione atmosferica.

Grazie al nesting integrato (e sotto opportune condizioni di lavoro) è possibile effettuare simulazioni che vanno dalle migliaia di km a poche centinaia di metri. Il relativo codice, inoltre, è opensource, ed è anche altamente configurabile, grazie a un insieme di opzioni fisiche e operative progettate in modo tale da soddisfare le richieste più disparate a appropriate.

Al momento stiamo implementando il WRF come segue: il dominio sull'Italia è di 9 Km di risoluzione orizzontale e 60 livelli verticali a distribuzione iperbolicacon step temporale di 120 ore. I dati iniziali e al contorno provengono dal modello globale GFS a 0.25° come risoluzione di output (il modello in sé ha una risoluzione più fine, di circa 13km) e con cadenza trioraria o esaoraria per il contorno.

L'inizializzazione viene effettuata anche utilizzando i dati SST (Sea Surface Temperature) ad alta risoluzione.


I dati iniziali vengono corretti mediante la tecnica di assimilazione 3DVAR (con ottimo compromesso in termini di velocità), utilizzando informazioni e misure sia convenzionali che di radianza mediante i radiometri satellitari. In particolare, in esclusiva collaborazione con Meteonetwork, siamo in grado di assimilare anche alcuni dati (pressione slm, temperatura, umidità) forniti delle Stazioni Meteo della rete, a cui si aggiungono i dati della rete Lineameteo, opportunamente filtrati.

I domini a 4 km hanno uno step temporale di 48 ore e sono realizzati tramite la tecnica di nesting. I prodotti sono in generale a cadenza oraria.

Inoltre tutto il processo è automatizzato (dall'acquisizione dei dati iniziali fino all'upload online delle mappe) ed è stato progettato in modo da fornire i prodotti in tempo reale (senza cioè attendere, per l'upload, il completamento dell'elaborazione).

Il centro di calcolo Centrometeo è ufficialmente riconosciuto dal WRF Administration ed è in continuo contatto con gli sviluppatori.

Centrometeo fornisce inoltre mappe meteorologiche sui dati disponibili dei più importanti modelli mondiali. Ricordiamo infatti i modelli globali GFS, ECMWF, NAVGEM. Ma anche mappe d'ensemble GFS e di altri modelli.

Infine, le mappe sulla previsione del moto ondoso tramite il modello Wavewatch III (WW3), versione 3.14. Attualmente il modello mare è implementato con una risoluzione è di 0.12 gradi (circa 12 Km alle nostre latitudini) sul bacino del Mediterraneo (con input campi di vento dal modello GFS) e di 0.06 gradi (circa 6 km) per i mari italiani (con input campi di vento dal WRF 9 km).