Immagine Nubi a sviluppo verticale: cumuli e cumulonembi
Le nubi a sviluppo verticale costituiscono una categoria di nubi del tutto particolare, perché generazione ed evoluzione sono legate prevalentemente ai... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 3hPrec (ita) - ARW
Classica mappa del modello WRF-ARW con pressione al suolo e accumulo delle precipitazioni... Leggi tutto...
Immagine WRF Fog-Dpt (ita - backup 2)
Mappa WRF per l'Italia (secondo backup) per determinare, insieme alla temperatura di rugiada anche... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Praia a Mare (Cosenza)
Webcam Praia a Mare, Panoramica dalla spiaggia. Siamo in Calabria, privincia di Cosenza. Le... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Parma (Parma)
Webcam Parma, nella regione Emilia Romagna. Immagine panoramica presso la città. Le immagini più... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? E' la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera infanzia.... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
Cosa sanno le nuvole? E' il nuovo libro del Capitano Paolo Sottocorona, grande Meteorologo e... Leggi tutto...

Geologia | Vulcanologia | Sismologia

Uno sguardo a un altro tema della grande famiglia delle Scienze della Terra: la Geologia 


Geologia e crosta terrestreUn appassionato di Meteorologia ha quasi sempre gli occhi puntati verso il cielo.

Oppure attende con ansia ed emozione la prossima immagine da satellite o l'ultimo run aggiornato dei modelli matematici.

Ma non è insensibile in generale alle altre discipline che coinvolgono il nostro pianeta, alcune delle quali si legano in modo più o meno diretto allo studio dell'atmosfera.

La Geologia, la scienza che studia i processi che plasmano la Terra, ha un'importante influenza in ambito meteorologico e climatologico.

Si pensi all'orografia: la conformazione del territorio, le montagne, la posizione e dimensione dei continenti, hanno un'importanza fondamentale nel determinare l'evoluzione delle masse d'aria, sia a livello sinottico che microclimatico.


Certo, tutto questo, su scale al massimo di qualche secolo, non comporta in generale cambiamenti: le scale geologiche, rispetto a quelle meteorologiche (e spesso anche climatiche) sono molto più lunghe. Come a dire: l'Appennino bene o male fra 100 anni sarà lo stesso di oggi. Ma la Geologia significa anche studio dei terreni e della loro composizione, sia superficiale che più in profondità, il che implica anche lo studio delle relazioni e correlazioni con l'atmosfera. Si pensi ai parametri con i quali si determinano gli scambi di calore terra-aria...

In ambito geologico vi sono inoltre anche fenomeni improvvisi ed intensi, che possono avere un'influenza immediata e drammatica sulle vicende meteorologiche e climatiche. Basti pensare ai vulcani. Il famoso "anno senza estate" (o "anno della povertà") il 1816, fu un anno caratterizzato da importanti alterazioni del clima estivo nel nord Europa e non solo, con gravi danni all'agricoltura e conseguenti carestie.

Si pensa che tutto ciò fu dovuto, insieme ad altre coincidenze (come una diminuzione dell'attività solare) soprattutto all'eruzione del vulcano Tambora, nell'isola di Sumbawa dell'attuale Indonesia (ex Indie olandesi), avvenuta dal 5 al 15 aprile 1815. Furono immesse enormi quantità di ceneri, abbassando la temperatura media dell'aria, in quanto la luce solare faticava ad attraversare l'atmosfera.


Un occhio di riguardo va posto poi alla Sismologia e ai terremoti, argomenti purtroppo spesso all'ordine del giorno nel nostro Paese.