Immagine Meteo e Clima in Provincia di Messina
La provincia di Messina è stata una provincia italiana della Sicilia. L'ex territorio corrisponde a quello all'estremità nordorientale dell'isola e... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Lucca
La provincia di Lucca è una provincia italiana della Toscana ed è la terza della regione per... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo: fino a quanti giorni ci si può spingere?
Fino a quanti giorni può spingersi la previsione del tempo? La domanda è facile, la risposta un... Leggi tutto...
Immagine WRF Fog-Dpt (ita)
In questa mappa WRF per l'Italia, cerchiamo di estrapolare, assieme alla dew point (temperatura di... Leggi tutto...
Immagine GENS 500hPa StD
Ensemble GFS che rappresenta l'altezza geopotenziale a 500hPa con la media di 21 membri e la loro... Leggi tutto...

SECONDO IMPULSO FREDDO GIOVEDÌ-VENERDÌ: TOCCATA E FUGA PER RIMONTA ANTICICLONE SUBTROPICALE

Scritto da Andrea Corigliano Lunedì 09 Dicembre 2019 00:00

SECONDO IMPULSO FREDDO DI GIOVEDÌ-VENERDÌ: UNA TOCCATA E FUGA PER LA RIMONTA DELL’ANTICICLONE SUBTROPICALE

Secondo impulso freddo Giovedì-VenerdìIn uno degli ultimi aggiornamenti avevamo posto l’attenzione sulla successione di due veloci impulsi di aria fredda che ci interesseranno nel corso di questa settimana e avevamo lasciato in incognito l’analisi sulla dinamica del secondo impulso perché le soluzioni calcolate dai modelli numerici non erano ancora stabili e di conseguenza attorno a questa previsione aleggiava un margine di incertezza ancora non trascurabile.

Giunti ormai ad una scadenza temporale di 4-5 giorni dall’evento, possiamo ora iniziare ad accennare alla probabile evoluzione di questo secondo impulso perché, per quanto riguarda i connotati generali del suo passaggio, dagli ultimi aggiornamenti emerge che saremo molto probabilmente di fronte ad una evoluzione alquanto rapida del sistema, evidenziato in figura da quella sorta di saccatura mal strutturata che nella mattinata di venerdì 13 dovrebbe lambire le Alpi orientali con il suo nucleo più freddo avente temperature inferiori a -30 °C a 5200 metri circa, per poi essere velocemente scalciata verso levante da una altrettanto rapida rimonta anticiclonica in arrivo da ovest nelle 24 ore successive.

Per quanto possa essere ormai abbastanza chiara nelle linee generali l’evoluzione a cui andremo incontro, risulta invece ben più complicato individuare con 4-5 giorni di anticipo gli effetti che il passaggio di questo secondo impulso potrebbe avere sullo stato del tempo nei dettagli.


La rapidità del passaggio, unito alla disorganizzazione del sistema in quota perché qui non dovrebbero presentarsi anse cicloniche tali da strutturare sistemi nuvolosi organizzati, getta ancora non pochi dubbi sull’efficienza del peggioramento per quanto riguarda le aree pianeggianti del Nord, a differenza dei settori alpini dove invece lo sbarramento orografico a cui andranno molto probabilmente incontro le correnti nord-occidentali potrebbe produrre nevicate fino a quote molto basse, stante l’afflusso di aria fredda, specie sui versanti esteri e sui crinali.

Per il resto della nostra penisola, invece, il passaggio di tese correnti dai quadranti nord-occidentali è quasi garanzia di un tipo di tempo caratterizzato da un elevato indice di variabilità, in cui tra schiarite e addensamenti non si esclude la possibilità di avere qualche pioggia. Al momento, proprio in virtù del fatto che la situazione attesa è particolarmente veloce nella propria dinamica, non è possibile aggiungere altro a quanto detto nelle linee generali: rimando quindi per ulteriori dettagli ad uno dei prossimi aggiornamenti.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa