Immagine Analisi climatologica Giugno 2013, Milano e Bologna
Analisi climatologica Giugno 2013, Milano e Bologna. Giugno ha avuto una peculiarità: nonostante l’andamento termico e pluviometrico altalenante è stato... Leggi tutto...
Immagine Il clima dalla "T" di Togo alla "Z" di Zimbabwe...
Il clima di Togo, Tonga, Trinidad E Tobago, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Ucraina,... Leggi tutto...
Immagine Parmigiana di patate
Parmigiana di patate: facile, golosa, ricca e completa. Si prepara in poco tempo e cuoce tutta... Leggi tutto...
Immagine GFS Cover Cloud Italia
GFS Cloud Cover, la copertura nuvolosa espressa in percentuale (%) prevista dal modello matematico... Leggi tutto...
Immagine GENS 850hPa Temp Spag
Modello americano GFS con il calcolo di 21 corse. Sono rappresentate tre isoterme di riferimento.
Immagine Webcam - Ostuni (Brindisi)
Webcam Ostuni, bellissima e panoramica in provincia di Brindisi, in Puglia. Su Centrometeo solo... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Milazzo (Messina)
Webcam a Milazzo con vista sul mare, in provincia di Messina, nella regione Sicilia.
Banner Radiorete

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

ESTREMI METEO OGGI. RETE MNW

Immagini da satellite | Italia | Europa | Meteosat

Le immagini da satellite

Le ultime immagini disponibili dal satellite Meteosat con riferimento all'Italia e la vicina Europa. Fonte SAT24.

Meteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: IRMeteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: VIS
Immagine da satellite. Canale: IR
Immagine da satellite. Canale: VIS
Meteosat. Ingrandimento sull'Italia. Canale: VISMeteosat. Temperatura Top delle Nubi
Immagine da satellite. Ingrandimento sull'Italia. Canale: VisibileMeteosat. Temperatura Top delle nubi


 
Dal 23 Novembre 1977, data in cui fu messo in orbita il primo satellite europeo METEOSAT, ne è stata fatta di strada. I radiometri montati a bordo sono sempre più precisi e affidabili e da circa 36000 km di quota sulla verticale dell'equatore e sul meridiano di greenwich (quindi con latitudine e longitudine = 0) ci inviano ogni giorno le immagini del nostro pianeta.

A questa altitudine il satellite è geostazionario, cioè la sua velocità di rivoluzione intorno alla terra coincide con quella di rotazione della Terra intorno al proprio asse. Oggi con il termine Meteosat si identifica in realtà un insieme di satelliti artificiali meteorologici geostazionari e l'ente che li gestisce è EUMETSAT (European Organisation for the Exploitation of Meteorological Satellites).


I radiometri scansionano il nostro pianeta su tre canali, cioè tre bande spettrali: visibile, infrarosso e vapor d'acqua. Sebbene notevolmente migliorati, specie con l'avvento degli MSG (Meteosat Second Generation), da 36000 km di altezza le immagini non possono avere un'altissima definizione. Inoltre da quella posizione, un satellite geostazionario non riesce a inquadrare le zone polari. Questi due problemi si risolvono con i satelliti polari, che "volano" a quote ben più basse (700-1200 km) e solcano il cielo scandagliando tutto il pianeta, mano a mano che esso gli ruota sotto, a velocità molto elevate per rimanere in orbita. Naturalmente così facendo si otterranno immagini molto più dettagliate, ma in tempi diversi per le varie zone via via inquadrate.