Immagine Meteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: IR (infrarosso)
Europa, vicino atlantico e naturalmente l'Italia in questa immagine all'infrarosso (canale IR) del satellite MSG (Meteosat Second Generation) di Eumetsat... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine STABILITÀ E MITEZZA GENERALE, CON PICCHI TERMICI ANCHE DA PRIMAVERA INOLTRATA
La ruota anticiclonica ha cominciato a girare sull’Europa sud-occidentale, esponendo in questo... Leggi tutto...
Immagine IL PROMONTORIO NORD AFRICANO: CARATTERISTICHE FISICHE ED EFFETTI SUL NOSTRO TEMP...
Quando parlo delle ondate di calore provenienti dall’entroterra sahariano, nei miei articoli... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Como
Il territorio di Como può essere diviso in sette aree geografiche omogenee, partendo da nord e... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Cremona
Dal punto di vista geografico la Provincia di Cremona si presenta come una striscia di terra di... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Brescia (WRF)
Meteogramma: tanti parametri atmosferici attesi nel tempo inseriti una sola cartina. Qui è... Leggi tutto...
Immagine ECMWF 10m Wind ITA (Wz)
Venti a 10m attesi dal modello ECMWF da Wetterzentrale per l'Italia

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

L’EVOLUZIONE DELLA FASE INSTABILE TRA GIOVEDÌ 5 E DOMENICA 8 MAGGIO.

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 03 Maggio 2022 17:00

L’EVOLUZIONE DELLA FASE INSTABILE TRA GIOVEDÌ 5 E DOMENICA 8 MAGGIO.

Mappa di previsione per il 5 Maggio 2022Va ormai definendosi l’evoluzione del tempo attesa nella seconda parte di questa settimana, quando l’atmosfera vedrà accentuare le proprie condizioni di instabilità per l’azione congiunta di due impulsi di diversa natura che si daranno appuntamento proprio sulla nostra penisola.

La situazione prevista in quota per il pomeriggio di giovedì 5 maggio (fig. 1, a sinistra) mostra infatti da un lato l’ingresso di un modesto cavo d’onda sulla Francia e dall’altro l’avanzamento di una circolazione ciclonica nord africana che insieme daranno forma a questa nuova fase meteorologica dalle caratteristiche spiccatamente primaverili.

Nei bassi strati questa evoluzione sarà associata a un campo barico prevalentemente livellato, ad eccezione delle due Isole Maggiori che risentiranno invece del minimo nord africano: questa depressione si strutturerà infatti attorno a isobare concentriche che saranno responsabili del temporaneo richiamo di correnti sciroccali in risalita soprattutto verso lo Stretto di Sicilia e il Canale di Sardegna (fig. 1, a destra).

Non saremo quindi interessati dal passaggio di due perturbazioni ben strutturate ma, come si evince dalla carta del tempo, da condizioni di instabilità che interesseranno inizialmente parte del Nord e la Sardegna nella giornata di giovedì 5. La simulazione della nuvolosità deducibile dalle ore di soleggiamento previste (fig. 2) mostra infatti l’azione inizialmente indipendente dei due impulsi che poi, entro venerdì 6, andranno probabilmente a formare un unico sistema nuvoloso: sarà proprio questo passaggio evolutivo ad evidenziare il generale deterioramento delle condizioni atmosferiche sulla maggior parte dell’Italia.

Ecco che allora la probabilità di avere precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio e di temporale, non solo aumenterà a partire dal Nord e dalla Sardegna proprio nella giornata di giovedì (fig. 3, a sinistra), ma tenderà a diffondersi alla maggior parte delle nostre regioni nel giorno successivo (fig. 3, a destra).



Rispetto alla situazione attuale saremo quindi interessati da una più diffusa condizione favorevole allo sviluppo della fenomenologia e quindi le precipitazioni saranno probabilmente un po’ più distribuite nel tempo e nello spazio: in tempi di magra, si accetta anche questo tipo di dinamica atmosferica pur sapendo che, per le piogge serie, servono altri impianti sinottici potenzialmente ancora fattibili, anche se ormai siamo agli sgoccioli.

Nel corso del fine settimana, con l’evoluzione verso il Mare Ionio del minimo ciclonico in fase di attenuazione e la persistenza di aria fresca in quota, le condizioni di instabilità interesseranno più direttamente anche il Sud e la Sicilia.

Nubi previste tra il 5 e il 6 Maggio 2022
Probabilità di piogge previste tra il 5 e il 6 Maggio 2022


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa