Immagine Meteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: VIS (visibile)
Immagine nel canale visibile (VIS) del satellite MSG (Meteosat Second Generation) di Eumetsat elaborata da . Area europea e vicino atlantico. Europa (e... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Analisi climatologica Novembre 2013, Milano e Bologna
L’ultimo mese autunnale è stato caratterizzato da due realtà ben distinte: le prime due decadi... Leggi tutto...
Immagine SULLA STRADA DI UN NUOVO CALO TERMICO A FINE DECADE, DALL’INTENSITÀ ANCORA IN...
Un campo anticiclonico di matrice azzorriana sta conquistando l’Europa occidentale, dove nelle... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Valle d'Aosta - Mappe grafiche dettagliate delle 24 ore
Le previsioni meteo per la regione Valle d'Aosta. Il tempo atteso per i prossimi giorni. Riassunto... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Vicenza
La provincia di Vicenza si insinua fino alla zona di Schio e Thiene. A nord abbiamo le Prealpi... Leggi tutto...
Immagine GENS PREC PROB 5mm ITALIA
Probabilità precipitazioni maggiori di 5mm intesa come numero di occorrenze in rapporto alle corse... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Imperia
Gli spaghetti Ensemble del modello americano GFS località per località. L'andamento del... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

SCRICCHIOLII DEL PROMONTORIO NORD AFRICANO LASCIANO SPAZIO A INSTABILITÀ E MODESTO CALO TERMICO PER QUALCHE GIORNO

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 26 Luglio 2022 09:00

SCRICCHIOLII DEL PROMONTORIO NORD AFRICANO LASCIANO SPAZIO A INSTABILITÀ E MODESTO CALO TERMICO PER QUALCHE GIORNO

Mappa di previsione per il 27 Luglio 2022Con l’ingresso sulle regioni settentrionali delle prime infiltrazioni di aria fresca in quota, avvenuto nel pomeriggio di ieri a partire dal settore alpino occidentale e proseguito verso est fino alle prime ore di questa mattina, sul Mediterraneo centrale è iniziata la fase di stanca del promontorio nord africano. Il passaggio di rovesci e temporali, legato proprio al contrasto termico della massa d’aria in arrivo con quella più calda e umida preesistente, è stato piuttosto irregolare e si è mostrato localmente un po’ più incisivo solo su Piemonte, Lombardia e Trentino Alto Adige.

Grazie a questa dinamica, va ora aprendosi una fase di generale variabilità che tra oggi e domani estenderà la propria azione anche alle aree interne delle regioni centro-meridionali. Il flusso blandamente ondulato in media e alta troposfera e gli sbuffi di aria un po’ più fresca che in quota riusciranno a farsi strada anche verso sud – fig. 1, a sinistra – saranno sufficienti per avviare una discreta attività di cumulogenesi che nelle prossime 48 ore avrà modo di portare occasioni piovose al Nord e sui settori interni del Centro-Sud, ad iniziare dalle aree appenniniche.

A tal proposito, è bene sottolineare che lo stato in cui si troverà l’atmosfera non sarà di certo favorevole a precipitazioni diffuse perché stiamo parlando di fenomeni convettivi e quindi, per loro natura, localizzati nel tempo e nello spazio: in altre parole, ciò significherà che non sarà possibile sapere con «precisione» l’area che sarà colpita da un temporale (anche all’interno di una stessa provincia ci possono essere zone di territorio che potrebbero rimanere a secco) e nemmeno l’ora in cui il fenomeno potrebbe verificarsi. In questi casi, cioè quando l’attendibilità di una previsione scade rapidamente, è possibile fornire un’indicazione di massima sull’evoluzione della fenomenologia.

Per esempio, per la giornata di domani (fig. 1, a destra), possiamo dire che nel corso del pomeriggio sarà più elevata la probabilità di avere rovesci e temporali localmente intensi sul settore alpino, sul Nord-Est, sull’Emilia Romagna e sull’intera catena appenninica e che saranno anche possibili sconfinamenti lungo le coste della Liguria e del versante adriatico. Non bisogna però pensare che nelle aree indicate nella cartina tutti i settori assisteranno all’evoluzione di un passaggio temporalesco: in alcuni casi capiterà e in altri no. Pensiamo infatti che una probabilità elevata associata a un fenomeno non lo garantisce e una probabilità bassa non lo esclude.



Dopo un parziale ritorno a condizioni un po’ più stabili nella giornata di giovedì, quando i rovesci e i temporali rimarranno più relegati ai rilievi alpini e appenninici e le temperature torneranno temporaneamente ad aumentare, da venerdì 29 assisteremo al transito del secondo impulso atlantico che avrà il merito di continuare a contenere il promontorio nord africano (fig. 2, a sinistra).

Anche in questa situazione si rinnoveranno le condizioni di instabilità ad iniziare dalle regioni settentrionali e in successiva propagazione, nel corso del prossimo fine settimana, anche al Centro-Sud e in particolar modo ai settori interni. Il passaggio di questo secondo impulso dovrebbe poi aprire la strada, per qualche giorno, ad aria meno calda proveniente dall’Oceano e pilotata verso l’Europa centro-occidentale dall’anticiclone delle Azzorre (fig. 2, a destra).

Il calo termico dovrebbe far sì che le temperature possano portarsi intorno alle medie per qualche giorno su tutta la penisola (fig. 2, nel riquadro a destra), prima di una probabile quinta ondata di calore che potrebbe farsi strada dal 2-4 agosto ma che dovrà ancora essere inquadrata e analizzata nei prossimi interventi, una volta che si saranno sufficientemente stabilizzate le soluzioni dei modelli numerici.

Mappa di previsione per il 30-31 Luglio 2022


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa