Immagine Il terremoto ad Ischia: i crolli e le vittime dell'abusivismo edilizio
Lo vogliamo dire chiaro e tondo: qui il terremoto non c'entra proprio niente: un terremoto 1000 volte meno forte di quello di Amatrice (già di suo non... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteo e Clima in Provincia di Belluno
La provincia di Belluno è una provincia italiana del Veneto; è la meno popolata e la più estesa... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Lombardia 24h - Mappe grafiche riassuntive delle 24 ore
Le previsioni meteo attese sulla regione Lombardia per i prossimi giorni. il tempo riassunto... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Napoli (WRF)
Radiosondaggi previsti per la città di Napoli. Modello WRF-NMM ad alta risoluzione
Immagine WRF CAPE - CIN (centro-nord) - ARW by ICON
Modello WRF-ARW con la carta per il Centro-Nord di due tipici indici termodinamici: il CAPE (misura... Leggi tutto...
Immagine Le procedure di allerta meteo
Le previsioni meteorologiche descrivono il tempo atteso nei giorni a venire, se sarà bello o... Leggi tutto...
Immagine CULTURA: IMPARIAMO A CANCELLARE IL VERBO «AZZECCARE» DAL NOSTRO VOCABOLARIO ME...
Il verbo «azzeccare» viene spesso associato alla meteorologia e in modo particolare all’operato... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

CALDO IN LENTO AUMENTO DA DOMANI, SPECIE AL CENTRO-SUD

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 26 Giugno 2020 00:00

CALDO IN LENTO AUMENTO DA DOMANI, SPECIE AL CENTRO-SUD

Mappa domenica 28 Giugno 2020Nel descrivere la situazione prevista per i prossimi giorni, partiamo dalle considerazioni espresse nell’ultimo articolo in cui abbiamo evidenziato la tendenza della fascia anticiclonica subtropicale a rafforzarsi alle nostre latitudini, con la sua componente oceanica a ovest e quella continentale sull’entroterra nord-africano. Come è possibile osservare nell’immagine, in questo ultimo fine settimana di giugno ormai alle porte queste due componenti saranno equamente bilanciate e nessuna delle due prevarrà sull’altra. Ne conseguirà che il Mediterraneo centrale e l’Italia centro-meridionale saranno per il momento solo lambite dalla circolazione periferica subtropicale continentale (freccia gialla tratteggiata) che nasce proprio in seno al promontorio nord africano non esteso ancora verso l’Italia ma comunque capace, in questa posizione, di far giungere i primi aliti verso le nostre regioni del Centro-Sud. Più a nord, invece, le correnti occidentali pilotate dal bordo settentrionale dell’Anticiclone delle Azzorre (freccia nera tratteggiata) andranno a interagire con aria più fresca in discesa sulle Isole Britanniche e sulla Francia (freccia blu tratteggiata) senza avere il modo, almeno per il momento, di spingersi più a sud.


In un contesto atmosferico sostanzialmente stabile e soleggiato (tranne qualche fenomeno di instabilità atteso sulle Alpi) e temperature massime previste in generale tra i 27 e i 32 °C, ecco che tra domani e domenica dovremo considerare un primo aumento dei valori massimi proprio laddove questa influenza seppur marginale della componente continentale della fascia anticiclonica inizierà a manifestarsi in modo più deciso. Si spiegano così i picchi fino a 34-35 °C che domani, sabato 27 giugno, potrebbero essere raggiunti in Emilia, nelle aree interne della Sardegna, della Sicilia e nel foggiano. Poi, domenica 28 giugno, a queste aree appena menzionate dobbiamo aggiungere anche le aree interne del settore tirrenico centro-meridionale, tra Lazio e Campania, dove si prevedono i medesimi picchi. Il caldo è destinato a intensificarsi ulteriormente all’inizio della prossima settimana perché un’azione più incisiva delle correnti fresche, nel modellare la forma delle due componenti anticicloniche, dovrebbe conferire una maggiore spinta a quella continentale che in questo modo potrebbe avvettare aria più calda in particolar modo verso le nostre regioni centro-meridionali e le nostre due Isole Maggiori. Ne riparleremo nel prossimo aggiornamento, in formato video.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa