Immagine Inverno 1956: un febbraio storico e un'eccezionale ondata di freddo
Temperature polari in tutto il Nord Italia (e non solo), persistenza del manto nevoso per oltre un mese anche in pianura e tratti del Po ghiacciati, sono solo... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine GENS T850 PROB min-10 ITALIA
Probabilità che la temperatura a 850hPa sia -10°C e l'altezza geopotenziale media a 850hPa.... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Torino (WRF)
Meteogramma: più parametri atmosferici attesi nel tempo inseriti un'unica mappa. Qui è... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Piombino (Livorno)
Webcam a Piombino, in provincia di Livorno (LI), Toscana.
Immagine Meteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: VIS (visibile)
Immagine nel canale visibile (VIS) del satellite MSG (Meteosat Second Generation) di Eumetsat... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo... Leggi tutto...

SETTIMANA DI FERRAGOSTO IN COMPAGNIA DI UNA MODESTA ONDATA DI CALDO

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 09 Agosto 2020 12:00

SETTIMANA DI FERRAGOSTO IN COMPAGNIA DI UNA MODESTA ONDATA DI CALDO

Anomalia temperature a 2m tra il 10 e il 14 Agosto 2020La curva climatologica ha ormai raggiunto l’apice perché, proprio in questo periodo, le condizioni atmosferiche sono statisticamente le più stabili e le più calde dell’anno. Anche nella settimana che ci porterà al Ferragosto lo stato meteorologico procederà di pari passo con la climatologia, quasi a voler sottolineare che in questa stagione del 2020 il tempo che abbiamo finora sperimentato è andato spesso avanti fianco a fianco con il tempo che avrebbe dovuto fare.

In particolare, nel corso della settimana entrante il Mediterraneo centrale e l’Italia saranno interessati da un modesto promontorio di matrice nord-africana, lo stesso che in questi giorni sta interessando l’Europa occidentale dove sta apportando un’intensa ondata di calore, specie tra penisola iberica e Francia. Fino a ridosso del Ferragosto, lo spostamento verso levante dell’ondulazione subtropicale porterà la cupola anticiclonica a inglobare praticamente l’intera penisola, anche se la struttura alle quote superiori non sarà particolarmente robusta.

Questo stato dell’atmosfera si tradurrà in condizioni pressoché stabili sulla maggior parte dell’Italia, con prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso. Questa stabilità, tuttavia, risulterà minata molto probabilmente da infiltrazioni di aria debolmente più fresca che potrebbero portare instabilità soprattutto sulle aree alpine e prealpine, in parziale e locale sconfinamento anche sulla Pianura Padana.

Stando agli attuali aggiornamenti, bisognerà aspettare venerdì 14 agosto per assistere al probabile passaggio di condizioni incerte più strutturate sulle regioni settentrionali perché, proprio nel fine settimana del Ferragosto, su questi settori si farebbe un po’ più incisiva l’azione perturbatrice di correnti atlantiche legate a una circolazione ciclonica presente sull’Europa occidentale. La disposizione del flusso che ne conseguirà potrebbe inoltre far cambiare assetto al campo anticiclonico, piegando il suo asse verso nord-est e quindi andando a incrementare l’avvezione di aria calda verso il Centro-Sud e le nostre due Isole Maggiori.

Fino a quella data, tutta la penisola sarà comunque accomunata da temperature massime per lo più comprese tra 29 e 35 °C, con picchi fino a 36-38°C che potrebbero interessare le zone interne del Centro-Sud e delle due Isole Maggiori.


Concludo questo intervento augurandovi buon Ferragosto perché staccherò per qualche giorno. Ci rileggeremo nella settimana del 17 agosto quando il pensiero meteorologico sarà ormai rivolto alla fase calante della stagione e alla ricerca di quei segnali dell’atmosfera che ci faranno capire come e quando l’autunno inizierà a lasciar trapelare il proprio segnale. Saranno altre storie da raccontare. Saluto tutti, grazie per la fiducia e a presto!

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa