Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in It...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza dell’atmosfera e un lavoro che mi ha fatto vestire i panni di docente e... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...
Immagine FINE SETTIMANA TRA INSTABILE E IL PERTURBATO, AL NORD POI ANCHE AL CENTRO: PREVI...
Le prossime 48 ore vedranno il transito sul Mediterraneo occidentale della saccatura di origine... Leggi tutto...
Immagine Proverbi e detti popolari del mese di Novembre
Wikipedia docet: << Novembre è l'undicesimo mese dell'anno secondo il calendario gregoriano... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Monte Montasio (Udine)
Il Jôf di Montasio è una montagna delle Alpi Giulie alta 2.754 m, situata in Friuli-Venezia... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Sortino (Siracusa)
Webcam a Sortino, in provincia di Siracusa (SR), regione Sicilia.

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Seconda Decade Giugno 2018: passaggio di consegna tra depressioni e anticiclone?

Domenica 10 Giugno 2018 00:00

Seconda Decade Giugno 2018: passaggio di consegna tra depressioni e anticiclone?

L'Estate 2018 è appena all'inizio del suo cammino stagionale, ma gli ostacoli che incontra sono molteplici. La temperatura della superficie dell'Atlantico basso (quello tra Spagna e Francia) è ancora sotto le medie stagionali, mentre quella del Nord Atlantico (Regno Unito e parte dei Paesi Scandinavi) è sempre sopra le "righe". Massime diurne molto elevate e spesso over 30°C sui Paesi nordici, ed ottimo soleggiamento. Mentre in sede Mediterraneo instabilità diffusa, termiche spesso primaverili, episodi instabili localmente forti.

Ad inizio Decade in esame, avremo nuovamente condizioni instabili, estese stavolta anche al Sud. Da Lunedì 18 Giugno (stando agli ultimi aggiornamenti dei maggiori Centri di Calcolo), l'Alta pressione delle Azzorre inizierà l'espansione verso il Bacino del Mediterraneo. Ma andiamo per gradi...


Dopo lo splendido fine settimana del 9/10 Giugno, a partire da Lunedì 11 Giugno l'Alta pressione sarà già minata dall'instabilità, in primis sulle regioni settentrionali. Il bel tempo invece resisterà ancora al Centro-Sud e sulle Isole Maggiori, con temperature massime oltre i 30°C e perfino oltre.
Martedì 12 Giugno l'instabilità raggiungerà la Toscana e le zone interne del Centro, con rovesci e temporali specie nelle ore pomeridiane.
Tra Mercoledì 13 e Giovedì 14 Giugno il fronte instabile raggiungerà anche le regioni del Sud, il tutto accompagnato da un calo termico molto corposo.
Venerdì 15 Giugno al Nord avremo condizioni migliori, con discreto soleggiamento e temperature in ripresa. Rovesci e temporali saranno ancora attivi nelle zone interne del Centro-Sud.
Sabato 16 Giugno ritroveremo tempo stabile temperature in ulteriore aumento al Nord, mentre l'instabilità resisterà al Sud e lungo la fascia appenninica centrale.
Domenica 17 Giugno ritroveremo nuovamente rovesci all'estremo Sud, specie tra Calabria, Campania e Sicilia orientale. Bel Tempo e clima molto caldo sul resto della Penisola.
Evoluzione da Lunedì 18 a Mercoledì 20 Giugno... Estate in piena vitalità su tutta la Penisola, con temperature pomeridiane fino a raggiungere i 34/36°C...

Attenzione! Ricordiamo che quella descritta è solo una stima di tendenza generale, un'indicazione di massima. Occorre aggiornarsi quotidianamente, seguendo le previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona e tenendo sempre presente la nostra Guida pratica alle previsioni del tempo, le avvertenze e le modalità d'uso riportate in calce alla nostra sezione meteo-città.

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS


A cura di Fabio Porro

Stampa