Immagine Webcam - Breuil-Cervinia (Aosta)
Webcam splendida a Breuil-Cervinia, Comune di Valtournenche, in provincia di Aosta (AO), regione Valle d'Aosta.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Webcam - Trieste (Trieste)
Webcam Trieste, (TS): davvero uno splendido panorama nella regione Friuli Venezia Giulia. Di... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Praia a Mare (Cosenza)
Webcam Praia a Mare (CS), regione Calabria. Panoramica dalla spiaggia.
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Rovigo
La provincia di Rovigo confina a nord con quelle di Verona, Padova e Venezia, a sud-ovest con... Leggi tutto...
Immagine Meteo Lunedì Italia
Meteo Italia Lunedì, le previsioni del tempo con mappe e simboli riassunte per un'immediata... Leggi tutto...
Immagine Storia della Terra: la nascita dei continenti
Quali fattori hanno determinato l’evoluzione dell’oceano primordiale verso condizioni più... Leggi tutto...
Immagine Attività vulcanica e cambiamenti climatici: un nuovo studio
Alcuni scienziati della University of Texas di Austin Jackson School of Geosciences, hanno condotto... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Seconda Decade Aprile 2018: ogni goccia un barile

Martedì 10 Aprile 2018 00:00

Seconda Decade Aprile 2018: ogni goccia un barile

Abbiamo intitolato l'articolo di oggi con un proverbio famoso perché quest'anno la stagione primaverile presenta i connotati più tipici della stagione, cioè la tipica e rapida alternanza di condizioni meteorologiche anche molto diverse, con tempo molto instabile, contrassegnato dal transito di diverse onde depressionarie, e momenti di gran Sole e clima gradevole. A ricordarci che la primavera è solo un periodo di transizione tra l'inverno che cerca di non mollare la presa e quella stagione più stabile che è l'estate.L'inizio della Seconda Decade di Aprile sarà segnato da nuove condizioni di maltempo, che in primis interesseranno le regioni del Nord. Fronti instabili si succederanno per buona parte della Decade in corso, mentre le pause asciutte saranno meno probabili. L'Alta pressione presente sulla Penisola Scandinava veicolerà le perturbazioni verso il Bacino del Mediterraneo, e di seguito verso i settori italici.Si partirà già dalla mattinata di Martedì 10 Aprile con il passaggio di un fronte atlantico. Piogge e temporali interesseranno il settore di Nord-Ovest e la Toscana. Nevicate interesseranno nuovamente le Alpi, ma solo oltre i 1600/1800 metri di quota. Fenomeni che raggiungeranno entro la serata il Nord-Est, la Sardegna, parte delle centrali tirreniche. Più rari i fenomeni altrove.Mercoledì 11 Aprile saremo raggiunti da un altra perturbazione atlantica. I fenomeni più intensi li ritroveremo nuovamente al Nord Ovest e Toscana, anche con rovesci o temporali. Fenomeni meno intensi sul resto del Centro-Nord. Assenza di fenomeni al Sud e Sicilia. Temperature contenute al Nord, molto miti altrove.


Giovedì 12 Aprile gli ultimi fenomeni si attarderanno al Centro-Nord, bel tempo sul resto della Penisola. Temperature in aumento e clima molto mite.Venerdì 13/Sabato 14 Aprile l'Alta pressione oceanica allungherà in parte la sua protezione sulla nostra Penisola, ma su questo punto c'è già molta più incertezza da parte dei modelli di calcolo, con alcune soluzioni che mostrano un nuovo importante peggioramento verso il Weekend per poi migliorare Lunedì 16/Martedì 17 Aprile. A fine decade alta pressione, ma con un po' di instabilità pomeridiana. Nel frattempo si mantiene una certa anomalia termica della superficie dell'Atlantico che potrebbe spingersi fino alla conclusione mensile. Un ingrediente che favorisce le condizioni dinamiche che stiamo vivendo.

Attenzione! Ricordiamo che quella descritta è solo una stima di tendenza generale, un'indicazione di massima. Occorre aggiornarsi quotidianamente, seguendo le previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona e tenendo sempre presenta la nostra Guida pratica alle previsioni del tempo, le avvertenze e le modalità d'uso riportate in calce alla nostra sezione meteo-città.

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS


A cura di Fabio Porro

Stampa