Immagine Anticiclone delle Azzorre e Africano: chiarimento definitivo
Ogni anno, specialmente durante la stagione estiva, nasce una piccola "polemica" sull'attribuzione della natura, con relativo nome, sui due principali... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Webcam - Monte Zoncolan (Udine)
Il Monte Zoncolan è una montagna della Carnia, in Friuli, alta 1.750 m, posta tra i territori dei... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Firenze (Firenze)
Webcam Firenze: veduta parziale sulla splendida città, capoluogo della Toscana.
Immagine Indici di instabilità
È grazie a questi ultimi (moti convettivi) che si sviluppano celle temporalesche e quindi le... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Ragusa
Circa i due terzi della provincia di Ragusa sono formati da colline, con la parte centrale... Leggi tutto...
Immagine GFS 6h Snow
GFS 6h Snow, la neve prevista dal modello americano GFS. Si tratta dell'accumulo atteso nelle 6h (6... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 2m Diff (centro-sud)
In questa mappa del modello WRF del Centro-Sud Italia, è rappresentata la differenza di... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Seconda Decade Dicembre 2017: marcata instabilità alternata a brevi fasi anticicloniche

Domenica 10 Dicembre 2017 00:00

Seconda Decade Dicembre 2017: marcata instabilità alternata a brevi fasi anticicloniche

La stagione Invernale 2017 al suo esordio sembra non ricalcare gli ultimi anni passati. Il monologo anticiclonico si è esaurito nella terza Decade di Novembre, favorendo più scambi meridiani. L'Alta pressione da giorni si è ritirata in Alto Atlantico, favorendo la discesa di alcuni impulsi artici. L'ultimo è scivolato lungo il Versante Adriatico nella giornata di Sabato 9 Dicembre, con precipitazioni diffuse e neve sul litorale romagnolo tra Ravenna e Rimini. Al Nord invece solo una sostenuta ventilazione settentrionale, seguita da intense gelate a tutte le quote (anche al Centro).Al suo seguito una perturbazione atlantica, che approfittando del freddo lasciato in eredità dal fronte artico, ha recato nevicate fino in Val Padana a fine Prima Decade.


Tra Lunedì 11 e Martedì 12 Dicembre si scaverà una profonda depressione al largo dei Mari occidentali italiani. Maltempo su gran parte della Penisola con precipitazioni anche intense su Liguria e settori alpini e prealpini. La quota neve a causa i forti venti di libeccio andrà salendo rapidamente, fino a raggiungere i 2000 metri. Comunque sulle Alpi avremo accumuli nevosi elevati, anche oltre mezzo metro sopra i 1800-2000 metri.

Mercoledì 13 Dicembre la depressione allenterà la presa sulla nostra Penisola, e si farà strada un pò di variabilità. Tempo migliore al Nord, qualche precipitazione residua al Sud. Temperature in leggera flessione ovunque.

Tra Giovedì 14 e Venerdì 15 Dicembre un nuovo impulso artico raggingerà il Bacino del Mediterraneo, con evoluzione al momento ancora incerta. Più probabile stavolta un maggior coinvolgimento dei Versanti Adriatici e il Sud, con precipitazioni nevose a quote relativamente basse.

Sicuramente un ottimo esordio invernale, con buoni propositi precipitativi.

Attenzione! Ricordiamo che quella descritta è solo una stima di tendenza generale, un'indicazione di massima. Occorre aggiornarsi quotidianamente, seguendo le previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona e tenendo sempre presenta la nostra Guida pratica alle previsioni del tempo, le avvertenze e le modalità d'uso riportate in calce alla nostra sezione meteo-città.

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS

Fabio Porro

Stampa