Immagine GIOVE: la macchia rossa destinata "presto" a scomparire?
Durante la scorsa settimana (ultima del mese di Maggio 2019, ndr) astrofili di tutto il mondo hanno visto alcune attività insolite attorno alla tempesta più... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Primavera o Estate: storia di un temporale convettivo o di calore
Quando i suoli cominciano a scaldarsi a sufficienza (generalmente ci troviamo tra il periodo... Leggi tutto...
Immagine Le grandi piogge del Gennaio 2015 in Campania
Questo inizio d’anno è stato esplosivo per la regione Campania, protagonista sia di frequenti... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Rieti
La provincia di Rieti si trova a nord-est della regione Lazio. Confina a ovest, lungo il Tevere,... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Trentino, Veneto e Friuli - Riassunto mattina, pomeriggio, sera...
Le previsioni meteo per le regioni Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. In queste... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Prima Decade di Gennaio 2017: Anticiclone e correnti fredde, è ancora guerra aperta

Domenica 01 Gennaio 2017 00:00

Prima Decade di Gennaio 2017: Anticiclone e correnti fredde, è ancora guerra aperta

L'inverno nelle prossime settimane tenterà di giocarsi le sue carte, sempre che ciò gli sia concesso. L'opprimente Alta pressione oceanica con massimi sull'ovest del Continente europeo, concede pochi spazi di manovra alle truppe invernali di giungere sul Bacino del Mediterraneo. Le masse d'aria gelide smosse di tanto in tanto dall'intrusione di aria mite portata dall'elevazione anticiclonica, concludono il loro viaggio nell'est Europa. Il Vortice Polare resta ancora troppo compatto in sede canadese, e non permette all'Alta pressione atlantica di risalire di latitudine, per indirizzare le masse d'aria polari verso il Mediterraneo. Per non parlare poi delle perturbazioni, le grandi assenti di questa stagione. Solo qualcuna è sfuggita alle maglie dell'Alta pressione, portando così alcune precipitazioni nevose solo sul Nord ovest italiano.

Sarà proprio una debole perturbazione a sfuggire al controllo dell'Alta pressione oceanica, con le nubi che interesseranno dapprima le regioni del Nord. Piogge che bagneranno la Liguria e le Centrali Tirreniche a partire da Lunedì 2 Gennaio. Nubi sparse nella giornata di Martedì 3 Gennaio, con piogge su est Emilia e Liguria. Temporali e rovesci sulle regioni centrali. Arriverà anche la neve, ma inizialmente solo sull'Appenino Centrale tra i 1000 e 1300 metri. Nubi sul resto della Penisola, ma il tempo andrà peggiorando al Sud. Precipitazioni che interesseranno ancora il Sud nella giornata di Mercoledì 4 Gennaio, mentre al Nord avremo cieli sereni, ma freddo. Da Giovedì 5 Gennaio avremo una nuova rimonta dell'Alta pressione oceanica e tutto ritornerà come prima o quasi, perché una massa d'aria gelida, lambendo il bordo orientale dell'Anticiclone, dovrebbe puntare verso il nostro centro-meridione portanto un significativo crollo termico e deboli nevicate a quote molto basse sulle centrali adriatiche e al Sud, Sicilia compresa.

Ricordiamo che si tratta di una stima di tendenza generale, piuttosto attendibile presa come indicazioni di massima, ma mai da mettere "in tasca" senza aggiornarsi quotidianamente! Seguite le nostre previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona!

 

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS

Fabio Porro

Stampa