Immagine L'età della Terra e il primo diluvio universale
Come si è riusciti a determinare quando avvenne nel nostro Sistema Solare la formazione e l'aggregazione dei planetesimi (alcuni dei quali, sottoforma di... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine LA MODELLISTICA NUMERICA STA ATTRAVERSANDO UNA FASE MOLTO INSTABILE NEL CALCOLO ...
In questo articolo desidero portare alla vostra conoscenza un comportamento abbastanza curioso che... Leggi tutto...
Immagine DA DOMENICA UN PRIMO CEDIMENTO DELL’ANTICICLONE POTREBBE APRIRE UNA FASE NUOVA...
Nei meandri caotici dell’atmosfera all’interno dei quali si muove la modellistica numerica per... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP - 500hPa Temp (centro-sud)
Modello WRF con la mappa per il Centro-Sud della temperatura e dell'altezza geopotenziale a 500 hPa... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 850hPa Diff (ita) - ARW
In questa mappa del modello WRF-ARW sull'Italia, è rappresentata la differenza di temperatura... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Autunno molto dinamico: dapprima piovoso e mite, poi nuova incursione fredda

Lunedì 29 Ottobre 2012 00:00

Come "promesso" dai maggiori centri previsionali il maltempo è tornato sulla nostra Penisola nell'ultimo fine settimana di Ottobre 2012, accompagnato anche da neve a quote molto basse e con termiche "degne" della stagione invernale.


Nei giorni scorsi l'Alta pressione sub-tropicale ha spostato i suoi massimi geopotenziali verso il nord Atlantico, causando successivamente lo "splittamento" del Vortice Polare.La vecchia depressione "parcheggiata" da giorni sulla Penisola Iberica si è messa in "moto" verso il nord Italia, coadiuvata da una massa d'aria gelida di matrice artica. Il mix "atlantico-aria artica" ha creato poi i presupposti per le nevicate a quote molto basse, persino attorno ai 400 metri di quota, episodio invernale raro per Ottobre.

Dopo un inizio stagione all'insegna di Alte pressione, scarse precipitazioni e termiche oltre le medie stagionali, l'Autunno "inverte" la rotta grazie all'indebolimento del Vortice Polare e anche allo spostamento dei massimi altapressonici verso il nord Atlantico.

Dopo una breve tregua nella giornata di Martedì 30 Ottobre, già dal pomeriggio avremo un aumento della copertura nuvolosa a partire dal versante tirrenico, isole maggiori, Calabria ionica, la Liguria e basso Piemonte..La perturbazione atlantica nella giornata di Mercoledì 31 Ottobre sarà più attiva sui versanti tirrenici, con precipitazioni molto intense tra Lazio, Campania e Calabria tirrenica. Attesi fenomeni intensi anche sulla Liguria, la bassa Valpadana orientale. Avremo inizialmente neve ancora a quote basse per la presenza ancora di "sacche" fredde, sino ai 900-1000 metri, in risalita fin verso i 1500-1800 a causa delle correnti sciroccali in quota.


Per la festività del 1° Novembre avremo un miglioramento delle condizioni meteo, a partire dal settore di nord-ovest, con ultime precipitazioni che si attarderannoancora sui versanti tirrenici, Liguria, Lombardia e nelle regioni nord orientali e anche le due Isole Maggiori.L'Alta pressione avrà pochi "spazi" per muoversi, poichè già dal pomeriggio-sera di Sabato 3 Novembre un nuovo fronte atlantico con il suo pre-frontale inizierà ad avvicinarsi alle regioni di nord-ovest, con precipitazioni molte intense sulla Liguria ed Ovest Piemonte, in estensione con fenomeni più indeboliti al resto del nord.

Tra il 6 ed il 9 Novembre correnti occidentali apporteranno lieve instabilità sui versanti adriatici, parte tirrenici, nord-est, con termiche fresche.

Dopo il 10 Novembre un nuovo elevamento dell'Alta oceanica favorirà una nuova discesa di aria artica verso le medie latitudini atlantiche e l'Europa occidentale, con una formazione di una profonda depressione tra Penisola Iberica ed Italia, con precipitazioni intense sui versanti tirrenici ed al nord, neve a quote medie-basse.La fase perturbata potrebbe proseguire almeno fino al 20 Novembre, con nuove precipitazioni più incisive al nord, in un contesto termico molto fresco.

Temperature a 2m modello GFS

Accumulo precipitazioni modello GFS

Fabio Porro


Stampa