Immagine
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Immagine Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli
Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli. Un saggio dedicato a tutti coloro che desiderano... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Martina Franca (Taranto)
Webcam Martina Franca, provincia di Taranto, nella splendida Puglia. Su Centrometeo solo webcam... Leggi tutto...
Immagine Il Calendario Giuliano e l'idiozia dell'anno bistesto anno funesto
Il Calendario Giuliano e l'idiozia dell'anno bistesto anno funesto. Ovvero: come l'ignoranza... Leggi tutto...
Immagine Analisi Inverno 2016: il caso di Milano Sud
Analisi Inverno 2016: il caso di Milano Sud. Uno studio a cura di Davide Santini.
Immagine Proverbi e detti popolari del mese di Luglio
Proverbi e detti popolari del mese di Luglio. Se piove a sant'Anna, piove un mese e una... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Fine Ottobre 2012: Egemonia anticiclonica al capolinea e prima severa incursione artica

Lunedì 01 Ottobre 2012 00:00

La fase autunnale in corso segna nuovamente punti a favore dell'Anticiclone nord-africano, che dopo aver "concesso" il passaggio di un fronte atlantico ad inizio settimana, ha chiuso la "porta" atlantica, confinando tra Spagna, Portogallo e Francia, un'intensa onda ciclonica.


Nei prossimi giorni la "vigorosa" risalita dell'Alta pressione di matrice sub-tropicale verso l'alto Atlantico, creerà un possente blocco anticiclonico nei pressi della Groelandia, favorendo così la discesa di aria artica inizialmente sugli Stati orientali europei, che poi potrebbe raggiungere anche il Mediterraneo.

Dalla giornata di Giovedì 25 Ottobre una profonda saccatura proveniente dall'Europa occidentale, potrebbe agganciare aria fredda proveniente dal nord Europa, favorendo precipitazioni anche intense sui versanti occidentali italici, se entrasse dalla "porta" del Rodano. Successivamente si potrebbe formare una profonda ciclogenesi su Tirreno, "prolungando" di molto la fase perturbata.

Oltre al sensibile calo termico, ritroveremo una quota neve più invernale che autunnale.A tutt'oggi rimangono ancora molte incertezze sulla "capacità" della penetrazione dell'irruzione artica, poiché se questa entrasse invece dalla "Porta" della Bora le regioni più interessate dai fenomeni saranno i versanti adriatici ed il Sud della Penisola, mentre il nord-ovest rimarrebbe ai margini di ciò.


Gli ultimi run dei modelli previsionali sono più "propensi" ad una soluzione intermedia, con precipitazioni dapprima al nord e poi al centro, con un richiamo sciroccale, ed il fronte freddo "dirottato" verso l'ovest del Continente europeo.

La fase di maltempo con piogge, temporali, e neve a quote medie sulle Alpi potrebbe "spingersi" fino alla giornata di Domenica 29, con un calo termico assai notevole, degno della stagione "invernale".

Al seguito della fase perturbata, avremo un ritorno a condizioni meteo soleggiate, grazie al ritorno dell'Alta pressione delle Azzorre, in un contesto termico lievemente il rialzo.
 

12 ore di precipitazioni previste tra Venerdì e Sabato

Situazione prevista al suolo e in quota nella serata di Sabato



Fabio Porro