Immagine Meteo e Clima in Provincia di Brescia
La provincia di Brescia è una provincia italiana della Lombardia, seconda per numero di abitanti fra le dodici province lombarde, settima in Italia. È la... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteo e Clima in Provincia di Lecco
La provincia di Lecco si trova per 600 km² oltre il fiume Adda e nella Valsassina, mentre il resto... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Lombardia - Riassunto mattina, pomeriggio, sera, notte
Le previsioni meteo sulla regione Lombardia. Il tempo per i prossimi giorni riassunto e suddiviso... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Grosseto (WRF)
Anche per Grosseto la previsione dei radiosondaggi dal modello wrf-nmm
Immagine GFS MSLP - 500hPa Temp Italia
GFS MSLP a 500hPa e temperatura: una delle mappe più importanti dal modello gfs Italia, con la... Leggi tutto...
Immagine CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA: VECCHIE ANOMALIE E NUOVA NORMALITÀ
Abbiamo più volte spiegato che, dal punto di vista climatologico, la caratteristica del tempo... Leggi tutto...
Immagine Il negazionismo climatico a comando di una parte dell'informazione italiana
Negli ultimi giorni è uscita una notizia che prende in prestito un fenomeno meteorologico di casa... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

IRRUZIONE DI ARIA POLARE E ARTICA IN ARRIVO: ECCO PERCHÉ PARLARE DI GELO È DEL TUTTO INAPPROPRIATO

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 13 Gennaio 2023 19:00

IRRUZIONE DI ARIA POLARE E ARTICA IN ARRIVO: ECCO PERCHÉ PARLARE DI GELO È DEL TUTTO INAPPROPRIATO

Stima dell'anomalia prevista sulla temperatura media in 5 giorni dal 18 al 22 gennaio 2023Nella disamina proposta ieri, in cui abbiamo descritto a grandi linee l’evoluzione della saccatura fino alla sua massima espansione alle nostre latitudini, abbiamo affermato che la fase meteorologica che andrà aprendosi da domenica avverrà per opera di una dinamica atmosferica tutto sommato normale per il periodo: in altre parole, questa futura evoluzione avrà il merito di portarci alcuni giorni dalle caratteristiche invernali. Arriverà dapprima aria polare e successivamente aria artica. Arriveranno cioè due masse d’aria che, dopo essere partite dalle alte latitudini, si troveranno a scorrere al di sopra dell’Oceano Atlantico e di conseguenza subiranno una trasformazione del loro stato termodinamico.

Transitando infatti al di sopra di una superficie marina che è via via più calda man mano che ci incamminiamo verso sud, esse si riscalderanno dal basso, diventeranno instabili e incentiveranno la formazione di moti convettivi, cioè di quei movimenti ascendenti che stanno alla base di nubi e precipitazioni a prevalente carattere di rovescio. Per questo motivo, quando arriveranno alle nostre latitudini, conserveranno in parte le loro caratteristiche iniziali solo alle quote superiori: l’aria fredda, in altre parole, sarà presente soprattutto in quota.

Quel freddo potrà riversarsi al suolo, in maniera più veloce ed efficace, solo se si verificheranno precipitazioni in grado di trascinarlo verso il basso. Non sarà quindi un’irruzione di aria gelida quella a cui andremo incontro nel corso della prossima settimana, semplicemente perché la trasformazione del profilo termico verticale delle due masse d’aria non permetterà che possa esserlo.Anche le prime stime di previsione circa l’anomalia di temperatura, mediata su 5 giorni (dal 18 al 22 gennaio) e prevista per esempio sulla superficie isobarica di 850 hPa (circa 1500 metri) e a 2 metri dal suolo, mostrano molto bene questa caratteristica. A puro scopo didattico, possiamo infatti apprezzare come in quota (a sinistra) lo scarto dalla media climatologica sia più intenso rispetto allo scarto che si dovrebbe registrare a 2 metri dal suolo (a destra) proprio perché qui gli effetti dell’irruzione sul campo termico risultano meno evidenti rispetto agli strati atmosferici superiori.



Avere quindi in pianura temperature mediamente fino a 2-3 °C sotto la media del periodo su un periodo di cinque giorni, con il contributo prevalente dato dalle anomalie delle temperature massime o da quelle minime a seconda dello stato del cielo e delle precipitazioni, credo che sia un po’ troppo poco per parlare di gelo. Per quel tipo di freddo, pungente durante tutto il giorno e con temperature intorno allo zero anche nelle ore che sono di solito le più calde, bisogna guardare alla Russia.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa