Immagine Webcam - Saint Nicolas (Aosta)
Webcam in località Saint Nicolas, nel comune di Aosta, regione Valle D'Aosta.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine La paleoglaciologia: una scienza per l’ambiente
Analisi chimiche molto analitiche del ghiaccio ottenuto dal carotaggio effettuato a diverse... Leggi tutto...
Immagine UNA SIMILITUDINE PER SPIEGARE CHE COS’È LA PREVISIONE DEL TEMPO
Oggi vi propongo un articolo per spiegarvi che cos’è la previsione del tempo. Non ho però... Leggi tutto...
Immagine Meteo Domenica Italia
Meteo Italia Domenica, le previsioni del tempo con mappe e simboli riassunte per un'immediata... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Asti
La provincia di Asti è una provincia italiana del Piemonte; conta 217.574 abitanti (secondo i dati... Leggi tutto...
Immagine WRF Wind 10m (ita - backup)
Modello WRF-NMM con la tipica carta, qui il backup per l'Italia, dei venti previsti a 10 metri...
Immagine GFS 250hPa Wind Italia
GFS 250hPa Wind, il vento alle alte quote espresso in metri al secondo e relativa altezza... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

ALLUVIONE NELLE MARCHE: UNA BREVE SPIEGAZIONE SULLA DINAMICA DELL’EVENTO

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 16 Settembre 2022 00:00

ALLUVIONE NELLE MARCHE: UNA BREVE SPIEGAZIONE SULLA DINAMICA DELL’EVENTO

Situazione al 15 Settembre 2022Le cronache ci riferiscono di un evento alluvionale accaduto tra il pomeriggio e la serata del 15 settembre nelle Marche dove, in poche ore, sono caduti localmente anche più di 400 millimetri di pioggia, equivalenti a 400 litri di acqua per metro quadrato. Una breve spiegazione su come si è generato l’evento tiene conto di due tasselli fondamentali: il contenuto di vapore acqueo che è la materia prima per generare le precipitazioni ed una forzante atmosferica in grado di avviare la formazione delle nubi.

La prima figura mostra proprio l’incastro tra queste due tessere. A sinistra, viene infatti mostrato il flusso di vapore acqueo a cui è stata esposta la nostra penisola proprio nella giornata di giovedì 15. La lunga banda si snoda dal Mediterraneo occidentale fino al Mar Caspio e, assumendo il colore rosso, è indice di una condizione estrema. In altre parole, questa situazione ha comportato un trasporto eccezionale di materia prima per la formazione delle piogge. A destra, invece, è mostrato il flusso sulla superficie isobarica di 300 hPa, cioè a circa 9500 metri di quota, che è orientato da sud-ovest verso nord-est e che proprio nel pomeriggio di giovedì 15 settembre ha presentato un’accelerazione in prossimità della regione interessata dall’evento alluvionale (area in giallo).

Questo brusco aumento della velocità del flusso si è rivelata in pratica una condizione favorevole al massiccio risucchio dell’aria dai bassi strati: come ho detto anche in altre occasioni, questa situazione determina in pratica l’attivazione di un grande aspirapolvere atmosferico che incentiva il sollevamento dell’aria calda e umida, determinandone la condensazione in nubi e piogge. A tal proposito, la sequenza delle immagini satellitari ogni due ore, tra le 15:30 e le 19:30 del 15 settembre (fig. 2), mostra solo una parte dello sviluppo di temporali rigeneranti che si sono sviluppati sulle Marche proprio a causa della dinamica appena descritta.



Si tratta di temporali che si formano di continuo e rimangono stazionari fino a quando l’incastro tra le due tessere salta. L’evento può durante quindi anche 5-6 ore. Come si può osservare, la struttura temporalesca vista dall’occhio satellitare assume la forma di una V (da qui il nome V-SHAPED): sul vertice della V si verificano le precipitazioni più intense e violenti, a carattere di nubifragio continuo che portano inevitabilmente a cumulate eccezionali in breve tempo.

Temporale rigenerante e V-Shaped



Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa