Immagine WRF Wind Gust (centro-sud)
Modello WRF con la mappa del Centro-Sud Italia dei venti a 10 metri. La peculiarità di questa carta è l'individuazione dei picchi massimi.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Webcam - Passo Stelvio (Bolzano, Sondrio)
Webcam Passo dello Stelvio, 2757 metri slm, il valico automobilistico più alto d'Italia e il... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Roma Sud - Spinaceto (Roma)
Webcam Roma Sud, precisamente a Spinaceto, (RM), regione Lazio. Di meteospinaceto.it
Immagine Meteorologia, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 2 - Gli elementi meteorologici principali
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Piemonte - Mappe grafiche dettagliate delle 24 ore
Le previsioni meteo per la regione Piemonte. Il tempo atteso per i prossimi giorni. Riassunto nelle... Leggi tutto...
Immagine Mappe regionali
Centrometeo è in grado di fornire, per usi professionali o per semplici appassionati, mappe... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

IL LUNGO E CALDO RESPIRO DEL PROMONTORIO NORD AFRICANO

Scritto da Andrea Corigliano Giovedì 23 Giugno 2022 20:00

IL LUNGO E CALDO RESPIRO DEL PROMONTORIO NORD AFRICANO

Avvezione calda 26, 27 giugno 2022Il caldo ha ormai piantato la tenda sull’Italia da oltre un mese e sembra intenzionato a soggiornare sulle nostre regioni ancora a lungo con temperature che resteranno ben al di sopra della media climatologica. Nelle linee generali, al momento non si intravedono infatti significativi cambiamenti di circolazione sul Mediterraneo centrale e sulla nostra penisola almeno per i prossimi 10-14 giorni che trascorreranno, con buona probabilità, in compagnia di un insistente promontorio nord africano con radici ben piantate nel deserto del Sahara.

Ciò non significa che la cresta anticiclonica resterà immobile per tutto il tempo, ma che riuscirà a condizionare per larga parte la nostra dinamica atmosferica con i suoi alti e bassi, fatti di espansioni e di parziali arretramenti. Considerando infatti la distanza temporale a cui ci stiamo spingendo nel tracciare questa linea di tendenza, non possiamo inquadrare nei dettagli l’intensità e la posizione che andrà ad assumere la figura barica giorno dopo giorno fino alla fine della prima decade di luglio, né conoscere l’intensità e le traiettorie delle avvezioni di aria molto calda che sarà prelevata dalle dune desertiche.

La persistenza del segnale anticiclonico – ma senza poter definire l’evoluzione dei suoi contorni fino a lungo termine – ci invita così ad andare avanti passo dopo passo per poter cogliere, strada facendo, quei dettagli che faranno la differenza tra un tipo di tempo prettamente condizionato dalla stabilità atmosferica e uno condizionato da infiltrazioni di aria un po’ più fresca di matrice atlantica in scorrimento sul bordo settentrionale della cupola subtropicale, oppure tra il caldo intenso con temperature massime che potrebbero anche superare i 40 °C e un’attenuazione della calura che tratterrà comunque la colonnina di mercurio su valori sempre anomali.



Seguendo questo metodo di analisi, ci limitiamo allora per il momento a inquadrare l’ennesima pulsazione meridiana del promontorio che si farà strada nel corso di questo fine settimana perché indotta dall’avvicinamento, alle coste occidentali europee, di una saccatura nord atlantica alimentata da aria fresca, di origine polare marittima. Come nel classico meccanismo che mette in funzione i piatti di una bilancia, la discesa di aria fresca a ovest verso le Isole Canarie innescherà a est il richiamo di aria molto calda che avanzerà verso la nostra penisola portando probabilmente, entro lunedì 27 giugno, l’isoterma di 25 °C a 850 hPa lungo il versante tirrenico centro-settentrionale e quella di 20 °C a tagliare le regioni settentrionali in diagonale, da sud-ovest verso nord-est (vedi figura).

Ai fini pratici, avere temperature a 1500 metri comprese tra 20 e 25 °C vuol dire che al suolo sarà altamente probabile registrare valori massimi compresi tra 35 e 40 °C in modo diffuso soprattutto nelle aree interne, con picchi anche superiori. Nel prossimo aggiornamento definiremo meglio i valori previsti.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa