Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorolo...
Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (AISAM)

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Radar Italia Nord-Occidentale
Mappa Radar a cura di meteoradar, con monitoraggio dell'Italia Nord-Occidentale.
Immagine Webcam - Bionaz (Aosta)
Webcam per Bionaz, in provincia di Aosta, panorama della Valle d'Aosta. Qui troverai solo le webcam... Leggi tutto...
Immagine Saluto del Generale G. Cena
Il Generale Cena fu un grande amico di Andrea Baroni. L'affettuoso saluto che Cena fece quando... Leggi tutto...
L'indice di Tensione Relativa (RSI)
L'indice di tensione relativa è un altro parametro che esprime le condizioni di stress causate dal... Leggi tutto...
Immagine WRF Lifted Index (ita) - ARW - ECM - Lamma
Mappa Lamma del modello WRF-ARW su base ECM che rappresenta l'indice di instabilità Lifted Index
Immagine Spaghetti Ensemble di Grosseto
Il caso della città di Grosseto con l'Ensemble spaghetti del modello GFS. Geopotenziale a 500hPa e... Leggi tutto...

Probabile cambio di circolazione tra il 3 e il 5 aprile

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 30 Marzo 2019 12:00

Probabile cambio di circolazione tra il 3 e il 5 aprile

Guasto del tempo atteso tra il 3 e il 5 AprileTrova ormai sempre più conferme il cambio di circolazione atteso per i giorni centrali della prossima settimana, tra il 3 e il 5 aprile.

Il quadro sinottico, che la modellistica numerica sta disegnando in base alla risoluzione delle equazioni di governo della dinamica atmosferica, sembra infatti non lasciare spazio a dubbi circa il significativo guasto delle condizioni meteorologiche che andrebbe profilandosi per il bacino centro-occidentale del Mediterraneo, destinato a diventare sede depressionaria dopo mesi di ingombrante dominio anticiclonico.

Torneranno così la pioggia in pianura, la neve sulle Alpi e la primavera avrà quindi modo, anche laddove fino ad ora ha mostrato insistentemente il suo volto stabile e mite, di mostrare l'altro lato più freddo e instabile come è giusto che sia.

Ci appresteremo molto probabilmente a vivere una fase tipica di questa stagione che prova a chiudere un lungo periodo siccitoso per la Sardegna e per molte regioni del Centro-Nord, in particolare per i settori occidentali.

Non basteranno ovviamente due giornate di pioggia per risolvere la crisi idrica: ce ne vorranno molte di più. Ma almeno il netto cambiamento della circolazione che si profila potrebbe rappresentare l’inizio di una fase più dinamica e quindi più promettente in tal senso.

Per il momento prendiamo atto che sul Mediterraneo riusciranno a entrare senza alcuna esitazione le correnti perturbate atlantiche: sarà come sempre la modellistica numerica, aggiornamento dopo aggiornamento, a darci indicazioni sulla durata di questa nuova fase.


E a proposito dell'ingombrante presenza dell'Anticiclone di queste settimane, concentrandoci solamente sul 2019, l'immagine seguente del campo medio di pressione al livello del mare dal 1° gennaio al 26 marzo sintetizza fin troppo bene quale è stato il segnale atmosferico dominante che ha caratterizzato il tempo dall’inizio dell’anno.

Abbiamo avuto un flusso perturbato atlantico che si è mosso frequentemente alle alte latitudini. Abbiamo avuto un campo anticiclonico prevalentemente di origine atlantica che ha bloccato l’ingresso delle perturbazioni sul Mediterraneo occidentale e che, con la posizione assunta, ha esposto il Nord-Ovest a frequenti episodi di föhn.

E abbiamo avuto l’ingresso di correnti prevalentemente settentrionali che hanno favorito la ciclogenesi soprattutto sull’area ionica. Conseguenza: piogge scarse al Nord, versante tirrenico (specie quello settentrionale), Sardegna e piogge abbondanti al Sud. Si spera dunque che la situazione si sblocchi il prima possibile.

Segnale pressorio dominante in atmosfera nei primi 3 mesi del 2019