Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorolo...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo scrivente) e in qualità di socio ordinario, dell'.Si tratta... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo... Leggi tutto...
Immagine WRF 850hPa RH (centro-nord) - ARW
WRF ARW: mappa per il Centro-Nord del modello fisico-matematico con l'umidità relativa e... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Cuneo
Spaghetti Ensemble per la città di Cuneo del modello americano GFS. L'andamento del geopotenziale... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Lazio, Abruzzo e Molise - Riassunto mattina, pomeriggio, sera, ...
Le previsioni del tempo su Lazio, Abruzzo e Molise per i prossimi giorni. Il meteo riassunto... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Trentino, Veneto e Friuli 24h - Mappe grafiche riassuntive dell...
Le previsioni meteo per le regioni Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia per i... Leggi tutto...

I cambiamenti climatici e la riproduzione degli animali

I cambiamenti climatici e la riproduzione degli animali
 

Bellissimi orsi bianchi

I cambiamenti climatici stanno purtroppo cambiando anche la vita stessa degli animali, i loro comportamenti e quello che è più grave i "tempi" e "luoghi" per la loro riproduzione. Almeno questo è quanto emerge da uno studio monitorato dal WWF, la più grande organizzazione mondiale per la conservazione della Natura.

Fondata nel 1961 in Svizzera, la missione del WWF è quella di "far convivere" Uomo e Natura in armonia (ammesso e non concesso che si possano davvero considerare entità "separate").

Il Panda gigante fu scelto quale emblema del WWF nel lontano 1961 da Sir Peter Scott, poiché a quel tempo nello zoo di Pechino era presente solo un esemplare che poi successivamente venne trasferito a Londra.

Le emissioni di gas serra sono aumentate vorticosamente in questi ultimi decenni, e gli effetti del cambiamento climatico stanno irreparabilmente influenzando le abitudini migratorie e riproduttive di molte specie, sopratutto gli uccelli.


A causa del fenomeno del Niño (vedi anche la nostra sezione dedicata alle teleconnessioni e agli indici connettivi) il numero dei pinguini presenti nell'Arcipelago delle Galapagos, si è ridotto del 50% dal 1979.

Le berte cuneate dell'Australia non hanno potuto sfamare i loro piccoli, a causa dell'innalzamento del livello del mare.

La deposizione delle covate viene stravolta, e le urie del nord America hanno anticipato la riproduzione di 24 giorni nell'arco di 10 anni.

Attraverso anche il monitoraggio satellitare, almeno quattro coppie di pinguini imperatori in Antartide, negli anni 2011-2012, hanno spostato il loro "naturale" sito di riproduzione in un altro luogo, poiché lo strato di ghiaccio che utilizzavano da anni, tardava a formarsi a causa delle alte temperature.

In tempi più recenti anche nelle Oasi del WWF si riscontrano alcune anomalie. Ad esempio le fioriture sono precoci, i flussi migratori spesso in anticipo, e sopratutto cambiamenti radicali nella riproduzione.


Il Panda: simbolo del WWFGli obiettivi del WWF sono innumerevoli, tra cui conservare la biodiversità del Pianeta, assicurare che l'uso di risorse naturali rinnovabili sia sempre sostenibile, ed infine promuovere alcune misure contro l'inquinamento e lo spreco delle risorse.

Alcuni obiettivi sono stati raggiunti, altri purtroppo hanno trovato una forte indifferenza (per non dire resistenza...) umana.

Forse l'Uomo non ha ancora "compreso" che annullando le specie sulla Terra, annulla anche la sua di esistenza e quella dei suoi figli...

Fonti: wikipedia.org, ecoseven.net

A cura di Fabio Porro


Stampa