Immagine Il monte Fuji: vulcano e montagna più alta del Giappone
ll monte Fuji è un vulcano del Giappone. Con i suoi 3776 metri è la massima elevazione del paese, è situato nella sezione centromendionale dell'isola di... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine WRF RH 2m - Wind 10m (ita) - ARW by GFS
Modello WRF-ARW, GFS, con la tipica carta, qui per l'Italia, dei venti previsti a 10 metri e... Leggi tutto...
Immagine GENS 850hPa Temp Spag
Modello americano GFS con il calcolo di 21 corse. Sono rappresentate tre isoterme di riferimento.
Immagine Webcam - Sappada (Belluno)
Webcam Sappada, meravigliosa località in provincia di Belluno (BL), regione Veneto.
Immagine Webcam - Marineo (Palermo)
Webcam a Marineo, in provincia di Palermo (PA), regione Sicilia.
Immagine PROSSIMI GIORNI CARATTERIZZATI DA UN REGIME DI VARIABILITÀ
Con l’inizio dell’inverno meteorologico anche lo stato del tempo ha cambiato regime, non... Leggi tutto...
Immagine ATTENUAZIONE DEL CALDO LA PROSSIMA SETTIMANA: SPERANZE POCHE, APPESE A UN FILO E...
Nel corso del fine settimana la Spagna e la Francia si lasceranno alle spalle l’intensa ondata di... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

L’ANTICICLONE DI CAPODANNO POTREBBE FAR CADERE DIVERSI RECORD DI CALDO SULL’EUROPA CENTRO-OCCIDENTALE, COMPRESA L’ITALIA

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 28 Dicembre 2021 10:00

L’ANTICICLONE DI CAPODANNO POTREBBE FAR CADERE DIVERSI RECORD DI CALDO SULL’EUROPA CENTRO-OCCIDENTALE, COMPRESA L’ITALIA

EFI temperatura a 2m fine dicembre 2021L’evoluzione del tempo atteso per i prossimi 5-6 giorni è ormai delineata e man mano che la fase anticiclonica si avvicina si riesce anche a stimare meglio la sua portata. Abbiamo parlato l’altro ieri di “alta pressione aberrante” per le pesanti anomalie termiche previste in quota, a circa 1500 metri, dove il promontorio nord africano trasporterà una massa d’aria insolitamente mite per il periodo e oggi troviamo conferma sull’eccezionalità di questa figura barica anche nelle conseguenze che questa dinamica atmosferica avrà anche nei bassi strati e, in particolare, nella temperatura a due metri dal suolo.

Per comprendere quanto ci allontaneremo dalla climatologia del periodo ci viene in aiuto l’Extreme Forecast Index (EFI) applicato alla previsione della temperatura a 2 metri, cioè un indice che permette di stimare quanto sia anomala una situazione meteorologica, in questo caso dal punto di vista termico, confrontando la distribuzione delle previsioni d’insieme del sistema probabilistico con il clima del modello. L’indice assume valori tra -1 e +1.

Se tutte le previsioni d’insieme indicano valori superiori al massimo del clima, l’indice assume valore 1, mentre assume valore -1 se tutte le previsioni indicano valori inferiori al minimo del clima. In questo caso, la situazione che si prospetta tra il 29 dicembre al 2 gennaio è molto favorevole ad avere valori di EFI prossimi all’unità positiva sulla maggior parte dell’Europa centro-occidentale, a significare che è quindi altamente probabile avere condizioni atmosferiche molto anomale per il periodo a tal punto da poter determinare il raggiungimento e il superamento di record di caldo registrati in passato.



Nelle figure allegate è mostrata la previsione dell’EFI della temperatura a 2 metri, mediata su tre giorni, per mostrare l’evoluzione del segnale dell’aberrante anomalia portata da questa situazione meteorologica. Si nota come su una vasta area comprendente penisola iberica, Francia, Isole Britanniche, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Germania, Repubblica Ceca, Svizzera e Austria l’EFI assuma valori che, grosso modo, si porteranno tra +0.8 e +1.0.

In particolare, si osserva piuttosto chiaramente come su Spagna, Francia e Italia i valori più elevati dell’indice siano previsti sugli altopiani o sui rilievi a dimostrazione del fatto che la formazione di inversioni termiche, che sono tipiche proprio dei campi anticiclonici nella stagione fredda, attenueranno parzialmente l’eccezionale anomalia termica nei bassi strati. In particolare, focalizzando l’attenzione sulla nostra penisola, risulterà molto elevata la probabilità che dei record di caldo possano essere superati su Alpi, Prealpi e Appennino centro-settentrionale. Sul resto del territorio nazionale un indice EFI per lo più compreso tra +0.6 e +0.8 °C va certamente a dare credito al transito di una fase decisamente anomala per il periodo che però non dovrebbe comportare il raggiungimento di picchi eccezionali di calore invernale, almeno in forma diffusa. Sarà adesso la reale evoluzione del tempo a quantificare in modo inequivocabile quanto sarà eccezionale questa situazione.

EFI temperatura a 2m inizio gennaio 2022


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa