Immagine WRF Cloud Type (ita) - ARW - ECM - Lamma
Mappa Lamma del modello WRF-ARW su base ECM che rappresenta la tipologia delle nubi (alte, medio, basse o miste) anziché la percentuale di copertura.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Aosta
20 corse del modello americano GFS creano un gruppo chiamato spaghetti. Ovvero l'Ensemble con... Leggi tutto...
Immagine WRF 700hPa RH - Wind (ita)
Modello WRF con la mappa sull'Italia dell'umidità relativa e della circolazione dei venti... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Caltanissetta
Quello che oggi si chiama libero Consorzio comunale di Caltanissetta confina a nord con la Città... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Bari
La provincia di Bari è stata una provincia italiana della Puglia. Parliamo al passato in quanto in... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Prima Decade Giugno 2018: Estate... ma non troppo!

Sabato 02 Giugno 2018 00:00

Prima Decade Giugno 2018: Estate... ma non troppo!

La stagione primaverile si è appena conclusa, ma le anomalie probabilmente saranno trasferite anche alla bella stagione. Da più di un mese, salvo qualche breve apparizione, l'Alta pressione delle Azzorre è ben rintanata sul Nord Europa. Le temperature dell'Oceano sono da un lungo periodo più elevate, mentre lungo l'asse Nord Africa-coste portoghesi sono inferiori alle medie stagionali. Ne risulta che l'Alta pressione europea non trova "alimento" per formarsi e sussistere per molto. Lo stesso trend di Maggio potrebbe riproporsi nella prima parte del mese di Giugno, con brevi periodi stabili alternati a fasi perturbate accompagnate da fenomeni intensi. Così anche nella prima Decade di Giugno (primo mese estivo secondo il Calendario meteo), continuerà il confronto tra Alta pressione oceanica e fronti instabili. Tra loro potrebbe inserirsi anche l'Anticiclone Nord Africano, ma questo prediligerà maggiormente il Sud e le Isole Maggiori. Nel primo fine settimana di Giugno l'Alta pressione oceanica farà buona guardia alla nostra Penisola, garantendo sia Sabato 2 che Domenica 3 Giugno tempo stabile e temperature gradevoli. I valori diurni mediamente potrebbero toccare i 27/28°C al Nord, ma anche al Centro Sud il caldo si farà sentire.


Da Lunedì 4 Giugno le condizioni Meteo andranno già deteriorandosi al Centro-Nord, per l'arrivo di una saccatura atlantica. Nuovamente temporali e rovesci occuperanno buona parte delle giornate, ma non mancheranno momenti asciutti. Le temperature subiranno una nuovo calo al Centro-Nord, mentre la passata temporalesca faticherà a raggiungere il Meridione.

Tra Mercoledì 6 e Giovedì 7 Giugno un debole promontorio di Alta Pressione riprestinerà condizioni stabili, ma di breve durata.

Con l'arrivo di Venerdì 8 Giugno aria fresca instabile raggiungerà il Bacino del Mediterraneo e si rinnoveranno condizioni instabili al Nord-Ovest e parte del Centro. Rovesci e temporali in trasferimento entro Domenica 10 Giugno al Nord Est, sul resto della Penisola avremo schiarite generose.

Che dire di questo inizio estivo, la garanzia di un lungo periodo stabile potrebbe essere riposta nell'Anticiclone africano, ma anche questo non naviga in buone acque, per fortuna...!

Attenzione! Ricordiamo che quella descritta è solo una stima di tendenza generale, un'indicazione di massima. Occorre aggiornarsi quotidianamente, seguendo le previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona e tenendo sempre presente la nostra Guida pratica alle previsioni del tempo, le avvertenze e le modalità d'uso riportate in calce alla nostra sezione meteo-città.

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS


A cura di Fabio Porro

Stampa