Immagine WRF TT-SWEAT (ita) - 7km ARW by GFS
Mappa sull'Italia del modello WRF-ARW-7km (GFS) con altri due classici indici termodinamici: il Total Totals e lo Sweat Index.
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteogramma di Rimini (WRF)
Meteogramma: più parametri atmosferici attesi nel tempo inseriti un'unica mappa. Qui è... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 3hPrec (centro-sud)
Classica mappa del modello WRF con pressione al suolo e accumulo delle precipitazioni al... Leggi tutto...
Immagine Nelle previsioni probabilistiche il futuro della Meteorologia
La previsione meteorologica è basata sul supporto oggettivo fornito dai modelli numerici, che... Leggi tutto...
Immagine SI RIESCE A SCORGERE QUALCHE SEGNALE AUTUNNALE?
Si scruta l’orizzonte modellistico per cercare di vedere se nei tortuosi e intricati meandri... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Torino
La provincia di Torino è composta da una parte montagnosa ad ovest e a nord lungo il confine con... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Fermo
La provincia di Fermo parte dalla costa adriatica, a est, alla catena dei Sibillini, la quale la... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

IL CAMBIAMENTO DEL TEMPO SUL MEDITERRANEO CENTRALE VISTO CON LE SIGNIFICATIVE ANOMALIE DELLA CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

Scritto da Andrea Corigliano Giovedì 30 Marzo 2023 19:00

IL CAMBIAMENTO DEL TEMPO SUL MEDITERRANEO CENTRALE VISTO CON LE SIGNIFICATIVE ANOMALIE DELLA CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA

Evoluzione attesa per le anomalie dal 30 marzo al 4 aprile 2023Nella descrizione delle condizioni meteorologiche parliamo spesso in questa pagina delle anomalie della circolazione atmosferica che caratterizzano il tempo dell’Europa e del bacino del Mediterraneo. Abbiamo per esempio più volte mostrato come la persistente espansione del campo anticiclonico subtropicale verso le nostre latitudini abbia tenuto lontane – e continui tutt'ora a farlo – le piovose perturbazioni atlantiche dal settore sud-occidentale del nostro continente, facendo sì che negli due ultimi anni sia diventata davvero problematica la fase di siccità per la sua estenuante persistenza.

Per quanto abbia assunto connotati di maggiore variabilità, anche il tempo che stiamo vivendo in questi giorni sta conservando in parte le vecchie abitudini, inquadrabili in un campo anticiclonico più robusto del normale (figura a sinistra) che riesce comunque a deviare il flusso perturbato principale verso latitudini più settentrionali. Quelle aree in arancione che includono proprio in nostro bacino centro-occidentale e l’Italia ci dicono infatti che la figura di alta pressione è adesso – come peraltro lo è stata quasi sempre – un po’ troppo spostata a nord rispetto alla posizione che dovrebbe avere in questo periodo dell’anno e che, statisticamente parlando, raggiunge localmente altezze di geopotenziale a 500 hPa (circa 5500 metri) dai valori significativamente anomali perché superiori alle due deviazioni standard positive (>+2 sigma).

È interessante fare altresì notare che entro i prossimi cinque giorni in quelle aree dove sono attualmente presenti queste anomalie il quadro sinottico si capovolgerà (figura a destra). L’ingresso della saccatura alimentata da aria fredda di origine artica si spingerà infatti molto a sud in latitudine, riuscendo a penetrare fin sull’entroterra tunisino e libico. All’inizio della prossima settimana, intorno a martedì 4 aprile, ci troveremo quindi le nostre regioni meridionali e le aree più a sud condizionate da un’anomalia opposta: la superficie di 500 hPa si abbasserà di 200-300 metri rispetto ai valori attuali e quindi raggiungerà soglie che, sempre statisticamente parlando, diventeranno questa volta significativamente anomale ma questa volta in senso negativo (<-2 sigma), specie sulle coste nord africane.



Questa evoluzione avrebbe quindi le carte in regola per mostrare il passaggio da una condizione significativamente anomala in «positivo» ad una significativamente anomala in «negativo» nelle aree interessate dal vistoso salto dell’anomalia e laddove, in generale, l’irruzione di aria fredda porterà in quota valori di temperatura decisamente bassi per inizio aprile: approfondiremo meglio proprio questo aspetto in un prossimo aggiornamento, non appena le soluzioni relative alle previsioni di ensemble del campo di temperatura a 850 hPa si saranno stabilizzate ancora un po’.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera


Stampa