Immagine Webcam - Piombino (Livorno)
Webcam a Piombino, in provincia di Livorno (LI), Toscana.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Meteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: IR (infrarosso)
Europa, vicino atlantico e naturalmente l'Italia in questa immagine all'infrarosso (canale IR) del... Leggi tutto...
Immagine Le immagini dai satelliti meteorologici Eumetsat | Meteosat e Metop
Sono 26 i Paesi europei facenti parte dell'organizzazione intergovernativa (European Organisation... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 850hPa 48h Diff (ita) - ARW
Modello WRF-ARW sull'Italia, dove è rappresentata la differenza di temperatura (altezza... Leggi tutto...
Immagine GENS 850hPa StD
21 membri Ensemble del modello americano gfs. Sono indicati deviazione standard e temperatura... Leggi tutto...
Immagine Nevada, Stati Uniti: un'area selvaggia designata come uno dei posti più bui del...
Si trova in un angolo remoto del Nevada nordoccidentale, vicino ai confini della California e... Leggi tutto...
Immagine Le eccezionali grandinate del 18 Giugno 1997
Dopo i danni dovuti alla persistente siccità e quelli causati dalle gelate tardive dell'Aprile... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Terza Decade Maggio 2018: momenti stabili... cercasi!

Domenica 20 Maggio 2018 00:00

Terza Decade Maggio 2018: momenti stabili... cercasi!

Mettendo su una bilancia le giornate instabili e quelle soleggiate del mese in corso, è facilmente intuibile dove andrà a collocarsi l'ago. L'instabilità, possiamo confermare, è stata protagonista per più giorni, specie quella convettiva. Piogge e rovesci nella maggior parte non portate dalle perturbazioni atlantiche, ma a "monte" vi è la pozione anomala dell'Alta oceanica. Questa rimane ancora ben salda sul Nord Europa, portando un anticipo estivo sulla Penisola Scandinava. Nel bacino del Mediterraneo è presente invece un canale depressionario, con aria fresca ed instabile sempre pronta ad innescare temporali e rovesci nelle ore pomeridiane.

Tra Lunedì 21 e Martedì 22 Maggio la circolazione depressionaria, invierà ancora impulsi instabili verso alcuni settori della Penisola. Rovesci e temporali interesseranno tutto il Nord, le aree interne dell'Appenino, le due Isole Maggiori e parte del Sud. Vi saranno alcuni momenti asciutti, specie nelle prime ore del mattino. Temperature stazionarie, in calo momentaneo durante le fasi piovose.


L'Alta pressione oceanica sarà ancora in posizione anomala tra Finlandia e Scandinavia (ricordiamo che il termine "anomalo" qui non sta per "non normale" o "sbagliato", ma semplicemente indica uno scostamento da ciò che "di solito" succede), mentre il maltempo si concentrerà sulla Penisola Iberica, sull'Est Europa, e il nostro Bel Paese.

Ma da Mercoledì 23 Maggio l'Alta pressione africana tenterà l'approccio verso la nostra Penisola, portando finalmente tempo stabile e caldo per alcuni giorni. Anticiclone africano che almeno fino a Domenica 27 Maggio terrà testa alle perturbazioni atlantiche da una parte, e ad una goccia fredda posizionata sulla Penisola Balcanica. Nuovamente l'Alta pressione oceanica andrà a collocarsi verso il Nord Europa, in contemporanea quella africana si ritirerà in sede "naturale". Aria fresca dai Balcani affluirà verso la nostra Penisola a partire da Lunedì 28 Maggio, mentre da ovest ritorneranno i fronti atlantici.

Tra Martedì 29 e Mercoledì 30 Maggio l'azione congiunta dei due sarà compiuta, innescando una nuova fase di maltempo con rovesci, temporali e nuovo calo termico. Fino a che le Alte pressioni avranno il "core" nel Nord Europa, l'instabilità sulla nostra Penisola sarà ancora molto attiva.

Attenzione! Ricordiamo che quella descritta è solo una stima di tendenza generale, un'indicazione di massima. Occorre aggiornarsi quotidianamente, seguendo le previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona e tenendo sempre presente la nostra Guida pratica alle previsioni del tempo, le avvertenze e le modalità d'uso riportate in calce alla nostra sezione meteo-città.

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS


A cura di Fabio Porro

Stampa