Immagine Spaghetti Ensemble di Ascoli Piceno
Ascoli Piceno e gli spaghetti Ensemble attesi dalle corse del modello GFS località per località. I parametri: geopotenziale a 500hPa e temperatura a 850hPa.
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
Cosa sanno le nuvole? E' il nuovo libro del Capitano Paolo Sottocorona, grande Meteorologo e... Leggi tutto...
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon. Gli estremi del passato...
Immagine Il clima della Death Valley, negli Stati Uniti
Davvero bello l'articolo di Davide Santini, esperto di climatologia, che racconta il clima di una... Leggi tutto...
Immagine Rapporto NOAA sul 2013: quarto anno più caldo dal 1880
Rapporto NOAA sul 2013: quarto anno più caldo dal 1880, a pari merito con il 2003. A cura di Fabio... Leggi tutto...
Immagine WW3 Mediterraneo - Wave Height, 10m Wind
L'andamento del moto ondoso previsto dal modello Wavewatch III (WW3) per il Mar Mediterraneo.... Leggi tutto...
Immagine WRF 0C-12hSnow (sud)
Modello fisico numerico WRF con l'accumulo di neve atteso al Sud Italia in 12 ore (in cm) e lo zero... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Prima decade Luglio 2016: Estate a pieni giri specie Centro-Sud

Giovedì 30 Giugno 2016 00:00

Prima decade Luglio 2016: Estate a pieni giri specie Centro-Sud

Il mese di Giugno si è appena concluso con l'ennesimo passaggio instabile al Nord, a suon di temporali e rovesci localmente intensi. Le perturbazioni atlantiche hanno "marcato" stretto le regioni Centro-Settentrionali, con molti episodi di forte intensità. Non solo i settori pedemontani, ma anche la stessa Val Padana è stata "teatro" nelle scorse settimane di episodi temporaleschi violenti con la formazione di alcune trombe d'aria e tornado. La confluenza di aria umida e fresca dalla Penisola Balcanica, ha favorito la nascita di molte super cellule temporalesche, che poi si sono mosse velocemente verso i rilievi alpini e prealpini. La cronaca ci fornito nei dettagli i danni che il maltempo a più riprese ha interessato molte Regioni italiane, tra allagamenti, cadute di alberi e anche l'agricoltura messa in ginocchio.

Anche nei primi giorni della prima decade di Luglio proseguiranno le incursioni instabili sulle Regioni Settentrionali, mentre sul resto della Penisola l'Alta pressione rimarrà ben salda con temperature talvolta superiori ai 37-38°C, sebbene non si escluda qualche disturbo anche al Centro-Sud.

Lunedì 4 Luglio l'Estate mediterranea riuscirà nel suo intento, e anche le Regioni Settentrionali avranno un po' di meritata stabilità. Da metter sempre in "conto" i solti temporali che si attiveranno nelle ore pomeridiane sulle Alpi, ma nulla in confronto ai nubifragi dei giorni scorsi. Clima meno rovente al Nord con le massime attorno ai 30°C, di qualche grado di più nelle città e nelle periferie non raggiunte dalle brezze collinari.

Un altro passaggio instabile lo ritroveremo tra Mercoledì 6 e Giovedì 7 Luglio, accompagnato forti temporali, grandine e venti sostenuti. Instabilità che dalle regioni settentrionali si trasferirà al Centro specie tra Marche e Romagna. Tutto seguito da un calo termico e ventilazione sostenuta da Nord. Il Sud e le Isole Maggiori non saranno toccate da questo passaggio instabile, e qui la stagione estiva proseguirà senza nessun intralcio.

Di seguito al Nord si ritornerà a condizioni stabili, con temperature in ripresa, ma senza nessun eccesso. La Prima Decade di Luglio si concluderà con il ritorno alla stabilità e buon soleggiamento, ma nuovi affondi temporaleschi potrebbero già insediare l'esordio della prossima Decade.

Come sempre avvertiamo che si tratta di una stima di tendenza generale, piuttosto attendibile presa come indicazioni di massima, ma mai da mettere "in tasca" senza aggiornarsi quotidianamente! Seguite quindi le nostre previsioni giornaliere e le mappe relative!

 

Piogge tendenza 6-7 Luglio 2016

Fabio Porro