Immagine WRF MSLP 3hSnow (centro-sud) - ARW
Mappa Centro-Sud Italia del modello WRF-ARW con altezza dello zero termico e l'accumulo di neve (in cm) nelle 3 ore precedenti l'orario rappresentato.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine GENS 850hPa Temp Spag
Modello americano GFS con il calcolo di 21 corse. Sono rappresentate tre isoterme di riferimento.
Immagine WRF MSLP 24hPrec (ita) - ARW
Mappa sull'Italia del modello WRF ARW con la pressione al suolo (MSLP) e l'accumulo precipitativo... Leggi tutto...
Immagine L’ESTATE MEDITERRANEA ANDRÀ ANCORA AVANTI A GONFIE VELE
Anche nei prossimi giorni la fisarmonica delle Azzorre continuerà a suonare la melodia... Leggi tutto...
Immagine UN NOVEMBRE COMPROMESSO
Buon inizio di settimana a tutti. Stiamo attraversando un periodo di assoluta calma piatta dal... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Seconda decade di Novembre con poche novità e ancora assidua presenza anticiclonica

Mercoledì 11 Novembre 2015 00:00

Seconda decade di Novembre con poche novità e ancora assidua presenza anticiclonica


La stagione autunnale dopo un esordio con precipitazioni da record per lo più concentrate nelle regioni meridionali, ora sta proponendo una fase climatica atipica.Dalle ingenti precipitazioni del mese di Ottobre, passando alle termiche sotto le medie stagionali di Settembre con neve perfino a quote medie, ora ci troviamo ad affrontare anomalie termiche estese per buona parte del continente europeo.

Non depongono certamente a favore di un ritorno imminente a condizioni autunnali, alcuni indici teleconnettivi tra cui l'AO e l'ITCZ.Il primo che misura la differenza di pressione tra le medie-basse latitudini e l'Artico (range di misura tra 37°/ 45° parallelo) è ancora positivo, "sintomo" di un Vortice Polare molto compatto e con freddo sempre limitato agli più a nord del Vecchio Continente. In questo modo le corrente occidentali sono sempre più virtuose, sollevando masse d'aria miti e portandole sino nel bacino del Mediteraneo.Il secondo indice viene monitorato prettamente nella stagione estiva, anticipando così le "sfuriate" dell'Alta pressione nord Africana. Attualmente la linea di convergenza intertropicale rimane troppo elevata, favorendo ancora intrusioni miti verso la nostra Penisola.

Nulla o poco cambierà nei prossimi giorni, con l'Alta europea sempre ben salda sul bacino del Mediterraneo e le depressioni che interesseranno ad ovest la Scozia e parte del Regno Unito con forti piogge, ad est la Russia europea con copiosa neve a quote basse.Solo sul finire della decade l'Alta pressione potrebbe subire un lieve cedimento strutturale, a causa dell'inserimento di aria fresca ed instabile di origine atlantica.

Probabilmente ci vorrà la terza decade di Novembre per rientrare nei parametri stagionali, azzerando in parte le anomalie termiche e precipitative.Ne riparleremo più avanti.

Non resta che tenervi informati anche con le nostre mappe in continuo aggiornamento!

 

Pressione attesa per il giorno 14 Novembre 2015

Fabio Porro

Stampa