Immagine Meteo e Clima in Provincia di Aosta
La provincia di Aosta è stata una provincia italiana del Piemonte, esistita dal 1927 al 1945. Nel 1946 la parte che formava il territorio storico della Valle... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Prevedere le situazioni alluvionali è possibile? Seconda puntata...
Dopo aver introdotto il concetto di alluvione e le configurazioni bariche tipiche che le... Leggi tutto...
Immagine ECCO COME LA CATENA ALPINA FRENA UN’IRRUZIONE DI ARIA FREDDA
Nel trattare la linea di tendenza fino a metà mese abbiamo brevemente accennato al probabile... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Benevento
La provincia di Benevento è una provincia italiana della Campania, istituita il 25 ottobre 1860.... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Nuoro
L’orografia della provincia di Nuoro è molto complessa e di conseguenza lo sono gli aspetti... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

In arrivo una fiammata pre-estiva, poi nuovamente instabile?

Sabato 17 Maggio 2014 00:00

In arrivo una fiammata pre-estiva, poi nuovamente instabile?


Il vortice depressionario che da alcuni giorni staziona tra Mar Nero e Balcani, si va attenuandosi, ma instabilizzerà il tempo ancora per un paio di giorni sulle regioni adriatiche centro meridionali.Il maltempo e anche il forte calo termico, è stato causato da una notevole discesa di una aria fredda, di estrazione artica.Il settentrione è stato interessato da forti venti ed un calo termico di almeno 5-6°C, mentre al centro-sud la neve è nuovamente ricaduta sugli Appennini, e anche perfino sui monti siculi.

Lunedì 19 Maggio una profonda depressione si posizionerà ad ovest del Continente europeo, attivando così correnti umide ed instabili, verso il settentrione e la Sardegna.Avremo così dei rovesci e alcuni passagggi temporaleschi, localmente forti.

Da Martedì 20 Maggio la depressione iberica si invigorirà sul "posto", ma senza avanzare verso la nostra Penisola. Si attiverà così un flusso di aria calda e stabile, proveniente direttamente dal nord Africa.

Il cuneo anticiclonico di matrice subtropicale, favorirà così l'aumento delle temperature, stabilizzando il clima italico almeno fino a Domenica 26 Maggio, salvo qualche passaggio instabile a ridosso delle Alpi.La "famigerata" lacuna barica scalderà molte regioni, fino a raggiungere termiche diurne oltre i 34°C.

Dove farà più caldo?Secondo gli ultimi aggiornamenti dei modelli previsionali, il Lazio potrà "testare" i 34°C, con la città di Viterbo, mentre anche la Puglia non rimarrà lontano, con i suoi 32°C.Caldo anche al nord, specie in Emilia Romagna, dove in città come Ravenna, Bologna, Forlì si potranno superare anche i 32°C.Il richiamo nord africano durerà almeno fino a Domenica 25 Maggio, con termiche da piena stagione estiva.Poi successivamente una nuova figura depressionaria avanzerà verso l'ovest della nostra Penisola, attivando condizioni instabili, specie al settentrione.Le correnti più fresche smorzeranno la calura estiva, mentre le condizioni instabili al nord potrebbero proseguire almeno fino alla fine del mese corrente.A completamento del mio editoriale, vi allego la mappa delle termiche previste dal modello GFS, per la giornata tra il 25 e il 26 Maggio.


Temperature a 850hPa tra il 25 e il 26 Maggio

Fabio Porro

Stampa