Immagine Quota Neve: una previsione delicata e difficile
Quota Neve: una previsione delicata e difficile. Tante le variabili in gioco...
Immagine Meteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: IR (infrarosso)
Immagine all'infrarosso (canale IR) del satellite MSG (Meteosat Second Generation) di Eumetsat...
Immagine Radar area parte dell'Italia Centrale
Mappa Radar a cura di CETEMPS, parte dell'Italia Centrale...
Immagine La primavera in Italia, con il Generale Andrea Baroni
La primavera in Italia: il Generale Andrea Baroni ci racconta la stagione forse più complicata... Leggi tutto...
Immagine Dopo il 2003 è cambiato qualcosa nelle nostre estati?
Tutti noi ricordiamo l’estate 2003, con le sue temperature eccezionali. Un interessante studio... Leggi tutto...
Immagine WRF 850hPa RH (sud)
WRF NMM: mappa per il Sud del modello fisico-matematico con l'umidità relativa e all'altezza... Leggi tutto...
Immagine WRF 250hPa Wind (ita) - ARW
Modello WRF-ARW con la mappa sull'Italia dell'altezza geopotenziale di 250 hPa e i venti, in... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Seconda decade instabile, affondi atlantici sempre più incisivi

Venerdì 17 Maggio 2013 00:00

Seconda decade instabile, affondi atlantici sempre più incisivi


Dopo alcuni giorni di "relativa" calma, le precipitazioni sono ritornate diffuse al centro-nord e anche il mese di Maggio potrebbe "proseguire" con il trend molto perturbativo.Nei prossimi giorni l'indice NAO rimarrà ancora nella "negatività", confermando un proseguo mensile fortemente perturbato, con accumuli precipitativi localmente ingenti.

La saccatura atlantica che già nel pomeriggio-sera di ieri ha riportato i primi rovesci sui settori di nord-ovest, ha determinato un forte peggioramento, con il rischio di esondazioni di alcuni fiumi.Nei prossimi giorni la saccatura nord atlantica "evolverà" in una "goccia" fredda, che rimarrà "incastrata" tra due figure di Alta pressione. Il profondo "corridoio" ciclonico sarà alimentato da correnti fresche atlantiche, "ingabbiato" tra l'Alta pressione oceanica e quella posizionata sui Paesi Balcanici.


L'analisi a medio termine "ripropone" una "continuità" instabile.Secondo gli ultimi aggiornamenti anche per la terza di Maggio non si "intravede" un ritorno a condizioni meteo anticiclonici, ma viene prospettato dai maggiori modelli previsionali un nuovo affondo nord-atlantico.Il mese di Maggio per i settori settentrionali italici, potrebbe concludersi con un'altro "carico" precipitativo ingente, con termiche autunnali e nuovamente il ritorno a rischi alluvionali da non sottovalutare.A completamento di questo editoriale, accludo la mappa delle precipitazioni previste per la giornata di Venerdì 17 Maggio.Il modello previsionale conferma una nuova fase instabile, con precipitazioni diffuse e persistenti su Alpi, Prealpi, zone Pedemontane, Liguria.

Piogge 17 Maggio


Fabio Porro