Immagine Saluto del Generale G. Cena
Dal 1 agosto del 1976 l'amico fraterno e fedele collaboratore Andrea Baroni ha lasciato il Servizio e l'Arma: dunque, un altro degli “anziani “, della... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Chieti
La provincia di Chieti presenta un territorio in gran parte collinare e montano, con un'orografia... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Biella
La provincia di Biella è una provincia italiana del Piemonte. Si trova nella parte nord della... Leggi tutto...
Immagine WRF RH 2m - Wind 10m (ita)
Modello WRF-NMM con la tipica carta, qui per l'Italia, dei venti previsti a 10 metri e l'umidita'... Leggi tutto...
Immagine WRF RH 2m - Wind 10m (ita - backup)
Modello WRF-NMM con la tipica carta, qui di backup per l'Italia, dei venti previsti a 10 metri e... Leggi tutto...

Alligatori "congelati" nelle paludi della Carolina del Nord?

Alligatori "congelati" nelle paludi della Carolina del Nord? Il fenomeno della brumazione

Un alligatore... ghiacciatoNon dover spostarsi per mesi potrebbe sembrare un sogno per alcuni, ma per i rettili è un mezzo di sopravvivenza. La brumazione, che è essenzialmente l'equivalente rettiliano del letargo, è un periodo dormiente in cui i rettili a sangue freddo interrompono temporaneamente tutte le attività per risparmiare energia.

Come è stato recentemente visto in un video di The Shallotte River Swamp Park, nel North Carolina, gli alligatori brumano permettendo ai loro corpi di congelarsi in una palude con il naso che spunta attraverso il ghiaccio. Permettendo a se stessi di congelarsi sul posto, gli alligatori possono abbassare le loro temperature corporee e rallentare il loro metabolismo abbastanza per sopravvivere alle gelide temperature invernali.

La brumazione è un comportamento innato per i rettili, il che significa che i loro corpi dicono loro di farlo naturalmente, indipendentemente dall'ambiente. Gli alligatori del North Carolina sono stati in grado di percepire il freddo imminente riconoscendo le differenze nella temperatura dell'acqua. Ma poiché la brumazione è appunto istintiva, alcuni rettili in cattività come le lucertole o i serpenti possono entrare in brumazione quando i loro orologi biologici dicono di spegnersi. A differenza del letargo nei mammiferi, la brumazione non è un periodo di sonno per i rettili. I rettili in brumazione hanno ancora bisogno di bere acqua e possono svegliarsi per diversi giorni alla volta prima di tornare a brumare.

Diversi rettili brumano in modi diversi. Alcune tartarughe si insinuano fino a 180 centimetri nel terreno per aspettare le stagioni. I serpenti di giarrettiera si raggruppano in gruppi per brumare, usando il loro calore corporeo combinato per aiutarsi a vicenda a sopravvivere. Gli anfibi che non sono molto abili nelle tane, come le raganelle, a volte possono essere congelati durante gli inverni più freddi. Incredibilmente, queste rane dal sangue freddo fermeranno perfino il battito del loro cuore in attesa che ritorni il clima più caldo.


Per quanto riguarda gli alligatori della Carolina del Nord, il General Manager del parco George Howard ha detto che questi animali sono entrati per la prima volta in acqua a causa dell’ondata di gelo che ha colpito la costa orientale. Howard ha detto che il fronte freddo ha portato gli alligatori nella palude, dove hanno perfettamente sincronizzato il congelamento dell'acqua. Secondo il parco, tutti i 18 alligatori erano congelati nel ghiaccio. "Sei pronto per il freddo? Preparati e pensa al futuro ", ha detto Howard in un video pubblicato dal parco. "I nostri 18 alligatori americani stanno pensando al futuro, mentre fanno spuntare il naso dal ghiaccio qui a gennaio 2019."

A cura di Dario De Santis
Fonte: AccuWeather

Stampa