Immagine WRF Temp 2m Diff (sard)
In questa mappa del modello WRF sulla Sardegna, è rappresentata la differenza di temperatura (a 2m) rispetto alle 24 ore precedenti.
Immagine Glossario Meteo. Lettera L - Da Lampo a Lostage
Glossario Meteo. Lettera L - Da Lampo a Lostage. E poi libeccio, limite, ...
Immagine Detti popolari alla prova: il caso di San Medardo
Se piove nel giorno di San Medardo (8 giugno), pioverà ancora per altri quaranta giorni, recita un... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande... Leggi tutto...
Immagine Il nostro modello WRF Centrometeo per la Toscana
Operativo il focus sulla regione Toscana del nostro modello WRF su Centrometeotoscana! Tutti i... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Bologna
Meteo e Clima in Provincia di Bologna, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Previsioni meteo: fino a quanti giorni ci si può spingere?
Previsioni meteo: fino a quanti giorni ci si può spingere? Perché si sbaglia? Piccola guida... Leggi tutto...
Banner Radiorete

Il cordone ombelicale degli squali

Il cordone ombelicale degli squali

Classico branco di squaliLa prima cosa che viene in mente alla maggior parte delle persone quando pensa agli squali è un pesce grosso e con denti enormi. Ma essendo una che passa le giornate a studiare queste creature, dice Georgia French, PhD Researcher of White Sharks, Università del Sussex, so esattamente quanto sia sbagliata questa immagine. Per prima cosa, la diversità degli squali è sbalorditiva. Le differenze tra le specie possono persino far sembrare alcuni di questi animali a malapena collegati.

La mia nuova ricerca, condotta con colleghi nel Regno Unito e in Sudafrica, mostra che esistono differenze significative tra membri maschili e femminili della stessa specie. Il nostro studio dei grandi squali bianchi sudafricani ha rivelato che le femmine non sempre passano dal mangiare pesce da giovani a mangiare foche e altri mammiferi marini quando sono più grandi. Invece, i nostri risultati suggeriscono che alcune femmine potrebbero specializzarsi nella ricerca del pesce e utilizzare diversi habitat per i maschi.

Come ci siamo riusciti? Abbiamo condotto un tipo di studio chimico noto come "analisi isotopica stabile" su piccoli pezzi di muscolo che abbiamo raccolto da squali bianchi e che ci ha dato informazioni su ciò che gli squali avevano mangiato e su quali habitat avevano usato per un periodo di circa due anni. E' la prima volta che questa analisi viene utilizzata su campioni di squali sudafricani vivi. Cosa indicano i risultati? Se le femmine trascorrono più tempo nelle zone costiere rispetto ai maschi, possono essere più facilmente catturate nella pesca in-shore e nelle reti di sicurezza, oltre ad essere esposte a più inquinanti. Questo problema sta già influenzando la popolazione di squali bianchi del Sud Africa. Quindi comprendere meglio la diversità del comportamento di questi animali potrebbe aiutarci a migliorare gli sforzi di conservazione degli stessi.


Le differenze nel modo in cui i sessi usano le risorse sono chiamate "segregazione sessuale" ed è abbastanza comune negli squali. Le ragioni alla base della segregazione sessuale possono essere complesse, a volte con requisiti di temperatura o nutrizionali diversi o la necessità per le femmine di partorire in speciali habitat. Corteggiamento e accoppiamento sono probabilmente tra i motivi per cui le femmine crescono di dimensioni maggiori rispetto ai maschi. Alcuni esemplari sono state documentati evitare molestie sessuali, stando alla larga da qualsiasi incontro romantico (o mordace) con i maschi nascondendosi in alcune grotte con acqua bassa. Le differenze tra i sessi sono solo un esempio dell'incredibile varietà esistente tra gli squali. Le cose diventano ancora più diverse quando si guardano diverse specie. Le dimensioni delle oltre 400 specie, ad esempio, vanno da uno squalo lanterna nano di 20 centimetri ad uno squalo balena di 18 metri. Anche i loro denti sono disponibili in una meravigliosa varietà di forme, dalle piastre di frantumazione usate per scricchiolare i granchi negli squali "levrieri", ai denti circolari a forma di lama che danno il nome agli squali "cuccioli".

Gli squali hanno anche una varietà di tipi riproduttivi. Alcuni depongono uova (anch'esse con forme e dimensioni diverse a seconda della specie). Alcuni sviluppano uova che si schiudono al loro interno, producendo cuccioli che poi si sviluppano nell'utero e nascono più tardi. Altri partoriscono in modo simile ai mammiferi, con una placenta e un cordone ombelicale. Il cordone ombelicale si attacca tra le pinne pettorali e, quando i cuccioli sono nati, vengono lasciati con una cicatrice, in pratica un ombelico, che è visibile per alcune settimane fino a quando non guarisce completamente. Alcune specie di squali hanno anche un "parto verginale", si riproducono senza un partner sessuale.

Di recente singoli squali hanno dimostrato di essere proprio questo: individui. Negli ultimi anni, lo studio delle interazioni sociali e delle personalità dello squalo è giunto alla ribalta della scienza. Proprio come gli umani, alcuni squali sono più socievoli di altri. Gli squali di Port Jackson sembrano avere i migliori amici con cui piace trascorrere del tempo anno dopo anno, e diverse specie di squali sono state trovate essere costituite da individui con diversi tipi comportamentali o personalità. Puoi anche distinguere i singoli squali in base al loro aspetto. La NASA ha sviluppato l'algoritmo che ora viene utilizzato per identificare i singoli squali balena mediante i loro schemi a punti (inizialmente era utilizzato per mappare le stelle). Ogni squalo balena ha uno schema unico che può essere identificato come un'impronta digitale e il software è ora utilizzato per catalogare le fotografie di individui e aiutarci a monitorare il loro numero e gli schemi di movimento. Diversi altri squali e raggi sono ora identificati da varie caratteristiche del modello che può essere identificato dalle tacche sulle loro pinne dorsali, così come altre caratteristiche distintive.

A cura di Dario De Santis
Fonte: theweathernetwork.com