Immagine WRF Temp 2m (ita) - ARW
Modello WRF-ARW con la tipica carta, in questo caso riferita all'Italia, della temperatura a 2m prevista (con isoterme e bande colorate).

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine GENS PREC PROB 25mm ITALIA
Probabilità precipitazioni maggiori di 25mm intesa come numero di occorrenze in rapporto alle... Leggi tutto...
Immagine WRF Wind Gust (centro-sud) - ARW
Modello WRF-ARW con la mappa del Centro-Sud Italia dei venti a 10 metri. La peculiarità di questa... Leggi tutto...
Immagine PROSSIMI GIORNI CARATTERIZZATI DA UN REGIME DI VARIABILITÀ
Con l’inizio dell’inverno meteorologico anche lo stato del tempo ha cambiato regime, non... Leggi tutto...
Immagine Orsi Polari, nuovo studio: potrebbero estinguersi prima del previsto
Un nuovo studio condotto dal US Geological Survey e dall'Università della California a Santa... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Brescia (Brescia)
Webcam Brescia (BS), regione Lombardia. Splendida panoramica su parte della città.
Immagine Webcam - Viterbo
Webcam a Viterbo (VT), regione Lazio. Vista direzione Ovest, con la cupola di Santa Rosa. By... Leggi tutto...

Rapporto OMS: le città più inquinate del Mondo

Rapporto OMS: le città più inquinate del Mondo
 

L'inquinamento atmosferico

La crisi economica ha avuto almeno il merito di abbattere i livelli di CO2, ma i recenti dati dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) mettono in risalto come il problema dell'inquinamento atmosferico sia globale ed interessi gran parte delle città metropolitane.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha "incoronato" l’indiana Ludhiana, seguita dalla cinese Lanzhou e dalla messicana Mexicali. Torino ottava.

La nostra Penisola è purtroppo presente con la città della Mole (dati Economist 2009), ma che poi successivamente ha migliorato nel 2012, con sforamenti oltre i 118 rispetto alla soglia d'allerta.

Secondo le direttive europee, questi livelli sono fissati in 50 microgrammi/metro cubo nelle 24 ore per le Pm10, mentre per le più pericolose Pm2,5 non c’è un limite massimo, ma l’obiettivo di raggiungere entro il 2015 un valore medio annuo fissato a 25 μg/mc.


Per quanto riguarda la CO2 complessiva, secondo i dati forniti da Ecoway, nel 2012 l'Italia a causa della crisi, ha toccato il minimo storico, con un decremento attorno al 28%.

La circolazione di auto in calo in questi anni, a causa del decremento delle vendite delle stesse, ha contribuito ad una diminuzione di Anidride Carbonica oltre 1,5 milioni di tonnellate.

Dati in calo, che poi ritorneranno sui valori pre-crisi, non appena l'Economia mondiale inizierà (se...) a correre.

Nel resto del Pianeta, si "piazzano" nella classifica nefasta, alcune città metropolitane di Cina, Messico ed India.A seguire Corea del Sud, Sudafrica, Brasile, Spagna e Francia. 


Fabio Porro

Stampa