Immagine WRF MSLP 12hPrec (ita - backup)
Mappa di backup del modello WRF con pressione al suolo (MSLP) e accumulo precipitativo nelle 12 ore precedenti.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Meteo e Clima in Provincia di Salerno
Anche dalla mappa qui a fianco si può notare la vastità della provincia di Salerno, tanto da... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Antartide
L'Antartide è il continente più meridionale della Terra, ma anche il più freddo e inospitale.... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine GFS 700hPa VVEL
GFS 700hPa VVel, le velocità verticali previste dal modello gfs all'altezza geopotenziale di... Leggi tutto...
Immagine JMA 6h Prec (Wz)
Precipitazioni previste (con gli accumuli su 6 ore) dal modello giapponese JMA.

Rapporto OMS: le città più inquinate del Mondo

Rapporto OMS: le città più inquinate del Mondo
 

L'inquinamento atmosferico

La crisi economica ha avuto almeno il merito di abbattere i livelli di CO2, ma i recenti dati dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) mettono in risalto come il problema dell'inquinamento atmosferico sia globale ed interessi gran parte delle città metropolitane.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha "incoronato" l’indiana Ludhiana, seguita dalla cinese Lanzhou e dalla messicana Mexicali. Torino ottava.

La nostra Penisola è purtroppo presente con la città della Mole (dati Economist 2009), ma che poi successivamente ha migliorato nel 2012, con sforamenti oltre i 118 rispetto alla soglia d'allerta.

Secondo le direttive europee, questi livelli sono fissati in 50 microgrammi/metro cubo nelle 24 ore per le Pm10, mentre per le più pericolose Pm2,5 non c’è un limite massimo, ma l’obiettivo di raggiungere entro il 2015 un valore medio annuo fissato a 25 μg/mc.


Per quanto riguarda la CO2 complessiva, secondo i dati forniti da Ecoway, nel 2012 l'Italia a causa della crisi, ha toccato il minimo storico, con un decremento attorno al 28%.

La circolazione di auto in calo in questi anni, a causa del decremento delle vendite delle stesse, ha contribuito ad una diminuzione di Anidride Carbonica oltre 1,5 milioni di tonnellate.

Dati in calo, che poi ritorneranno sui valori pre-crisi, non appena l'Economia mondiale inizierà (se...) a correre.

Nel resto del Pianeta, si "piazzano" nella classifica nefasta, alcune città metropolitane di Cina, Messico ed India.A seguire Corea del Sud, Sudafrica, Brasile, Spagna e Francia. 


Fabio Porro

Stampa