Immagine Temporale del 7 Aprile su Milano: il primo del 2012
Documentato dal nostro Davide Santini il primo temporale del 2012 sul milanese, il 7 Aprile. Una stagione temporalesca finalmente arrivata...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine WRF MSLP 6hSnow (sard)
Mappa Sardegna del modello WRF NMM con l'altezza dello zero termico e l'accumulo di neve (in cm)... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Palermo
Il caso della città di Palermo con l'Ensemble spaghetti del modello GFS. Geopotenziale a 500hPa e... Leggi tutto...
Immagine Nasce un fiocco di neve: la microfisica della dama bianca
Nasce un fiocco di neve: storia e microfisica della dama bianca...
Immagine Calcolo della velocità del Suono
Calcolo della velocità del Suono sulla base anche della temperatura dell'aria...
Immagine Webcam - Courmayeur (Aosta)
Webcam Courmayeur, provincia di Aosta, Valle d'Aosta. Panorami turistici incantevoli. Qui solo le... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Pesche (Isernia)
Webcam Pesche, in provincia di Isernia, regione Molise. Con noi troverete solo webcam selezionate!

Lo straordinario temporale del 30 Maggio 2013 sul basso milanese

Lo straordinario temporale del 30 Maggio 2013 sul basso milanese
 

Per un meteo appassionato come me è difficile ricevere un regalo migliore del multicella pomeridiano del 30 maggio 2013. Il suddetto mese è stato di gran lunga il più bello della mia vita (dal punto di vista temporalesco!) e il 30 ho potuto apprezzare un evento tanto emozionante quanto inaspettato.

La seconda quindicina di maggio è stata particolarmente fresca (a tratti fredda direi...) e straordinariamente ricca di instabilità: il 30 mattina c’era un cielo tipico primaverile, limpido ma con tanti cumuli humilis e mediocri.

Appena dopo pranzo mi sono messo a studiare e dalla mia finestra entrava un sole deciso: alle 15.34, però, un improvviso bagliore… e un fragoroso tuono! Guardo fuori dalla finestra: cielo nerissimo e minacciosissimo appena verso nord!

Ovviamente ho mollato tutto e armatomi di foto e videocamera ho passato il pomeriggio a scattare e filmare il bestione sopra la mia testa.

Dalle foto allegate si nota come sia stato un sistema tanto isolato quando rapidissimo a svilupparsi e altrettanto a dissolversi: gli accumuli hanno avuto il massimo proprio sopra la mia testa e lo spettacolo me lo sono goduto in maniera impeccabile. Insomma, una bella botta di… fortuna!


Dalla mia stazione ho registrato 20,8 mm con un’intensità massima di 141 mm/h, la raffica di downburst ha toccato i 54 km/h e quella di outflow 46. Ovviamente non è stato un temporale violento, ma me lo ricorderò per l’incredibile quantità di mammati che mi ha regalato: immagini sensazionali, guardare per credere (e ricordare che dal vivo ogni fenomeno meteorologico è sempre molto meglio di qualsiasi foto!)
 

Radar delle 16: nord ovest all’asciutto, mentre sulla mia testa il picco dell’intensità del multicella

Gli accumuli hanno un picco proprio sulla mia testa...

Radar delle 16: si nota come tutto il nord ovest sia all’asciutto (la giornata era limpidissima) mentre ESATTAMENTE sulla mia testa c’è il picco dell’intensità del multicella!

Gli accumuli hanno un picco proprio sulla mia testa (un po’ come una delta di Dirac): a pochissimi km da casa mia neanche una goccia e anche nel pavese poca roba (cartina del centrometeolombardo).

Cella isolatissima in rapidissimo sviluppo

Meravigliosi mammati a fine episodio

La cella isolatissima in rapidissimo sviluppo: notare come a nord il cielo era terso, si vedeva benissimo la catena alpina e solo sulla mia testa pioveva...

Meravigliosi mammati a fine episodio.

Shelf cloud lontanissima, sulla sinistra la torre di Rozzano e le case della periferia milanese, in fondo il monte Beigua


Shelf cloud lontanissima, sulla sinistra la torre di Rozzano e le case della periferia milanese, in fondo il monte Beigua (appennino ligure appena sopra Varazze): la straordinaria visuale dal mio balcone mi permette di vedere ciò!



Davide Santini