Immagine GFS 700hPa VVEL Italia
GFS 700hPa VVel, le velocità verticali previste dal modello gfs all'altezza geopotenziale di 700hPa, misurata in hPa/h, Italia.
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Webcam - Caorle (Venezia)
Webcam a Caorle, in provincia di Venezia (VE), Veneto. Veduta sul Porto Peschereccio in Riva delle... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Olbia (Olbia Tempio)
Webcam ad Olbia, in provincia di Olbia Tempio (OT), regione Sardegna.
Immagine WRF MSLP 12hPrec (ita) - 7km ARW by GFS
Mappa sull'Italia del modello WRF-ARW-7km (su GFS) con la pressione al suolo (MSLP) e l'accumulo... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 12hPrec (centro-sud) - ARW by ICON
Mappa Centro-Sud Italia del modello WRF ARW con la pressione al suolo (MSLP) e l'accumulo... Leggi tutto...
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in Italia
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

NEI PROSSIMI GIORNI LENTO E GRADUALE RIALZO DELLE TEMPERATURE, MA CON UN TEMPO CHE RESTERÀ NEL COMPLESSO INCERTO

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 23 Aprile 2024 19:00

NEI PROSSIMI GIORNI LENTO E GRADUALE RIALZO DELLE TEMPERATURE, MA CON UN TEMPO CHE RESTERÀ NEL COMPLESSO INCERTO

Mappe 23-29 aprile 2024Con la giornata odierna la saccatura artica ha portato a compimento l’opera di intenso raffreddamento del bacino centrale del Mediterraneo, accompagnando il sensibile calo termico a condizioni meteorologiche instabili soprattutto al Centro-Nord. Sulle regioni settentrionali il tempo ha praticamente avuto caratteristiche invernali: due giornate con temperature massime anche inferiori a 9-10 °C nella terza decade di aprile e abbondanti nevicate sull’Appennino Settentrionale fino a quote di bassa collina sono sicuramente espressione di un evento meteorologico che è degno di nota per il periodo e che, nello stesso tempo, ci fa apprezzare cosa significa avere per qualche giorno anomalie termiche negative che hanno all’incirca la stessa intensità di quelle positive, a cui però la dinamica atmosferica ci ha ormai abituato sempre più spesso negli ultimi anni nel corso di tutte le stagioni. Terminato l’afflusso di aria fredda, ci vorrà ora qualche giorno per ritornare a temperature più vicine a quelle tipiche del periodo.

L’andamento delle previsioni di ensemble del campo termico previsto sulla verticale del Centro Italia a circa 1500 metri, prese come esempio solo per dare una valutazione sommaria dei futuri movimenti delle masse d’aria in libera atmosfera, ci mostra infatti una graduale ripresa dei valori di temperatura che in circa 4-5 giorni dovrebbero rientrare nella climatologia di fine aprile.

Il graduale afflusso di aria sempre meno fredda, che prenderà piede soprattutto da giovedì, sarà legato a un cambiamento degli equilibri delle figure di alta e di bassa pressione in pieno Oceano: entrerà infatti sulla scena euro-atlantica una circolazione depressionaria, proveniente dal lontano Canada, che andrà a inserirsi nella circolazione artica per rimodularne la forma spostando l’asse della saccatura sul settore occidentale del nostro continente entro i primi giorni della prossima settimana.



Usciremo così dall’influenza delle correnti settentrionali per entrare sotto quella dei flussi meridionali che potrebbero inizialmente muoversi sul confine tra la circolazione ciclonica presente a ovest e quella anticiclonica che andrebbe a svilupparsi a est della nostra penisola. Secondo gli ultimi aggiornamenti il segnale ciclonico dovrebbe gradualmente prevalere e quindi lasciare aperta, alle nostre latitudini, la porta atlantica: ciò significherebbe avere sicuramente aria più mite ma anche umida e quindi propensa ad accompagnare il passaggio di nuove perturbazioni o di condizioni di instabilità.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa