Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorolo...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo scrivente) e in qualità di socio ordinario, dell'.Si tratta... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteorologia, Volume 7 - I MODELLI FISICO-MATEMATICI E LA PREVISIONE DEL TEMPO
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Verbano-Cusio-Ossola
La provincia di Verbano-Cusio-Ossola è nata dalla fusione di 3 territori distinti: il Verbano, il... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Oceania
Oceania è il continente che annovera Polinesia, Melanesia, Micronesia, Australia e Nuova Zelanda.... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 3hSnow (ita) - ARW by GFS
Mappa sull'Italia del modello WRF-ARW, dati GFS, con altezza dello zero termico e l'accumulo di... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Campobasso
Gli spaghetti con geopotenziale e temperatura rispettivamente a 500hPa a 850hPa. Previsione per la... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

CEDE IL CAMPO ANTICICLONICO SOTTO LA SPINTA DI CORRENTI ATLANTICHE SEMPRE PIÙ CONVINTE

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 30 Dicembre 2023 00:00

CEDE IL CAMPO ANTICICLONICO SOTTO LA SPINTA DI CORRENTI ATLANTICHE SEMPRE PIÙ CONVINTE

Evoluzione attesa per il 31 dicembre 2023Stiamo trascorrendo questi ultimi giorni del 2023 in compagnia di un campo anticiclonico di matrice subtropicale e di tutto ciò che comporta la sua presenza in questa stagione: le inversioni termiche, il ristagno degli inquinanti nei bassi strati, una nuvolosità stratiforme che ha prevalentemente interessato il Nord e il versante tirrenico e, soprattutto, le temperature che si sono mantenute ben al di sopra delle medie stagionali.

Tra domenica 31 dicembre e lunedì 1° gennaio una modesta perturbazione atlantica proverà ad aprire un varco alle correnti perturbate atlantiche e a chiudere così questa fase meteorologica di stallo (fig. 1).

Il cedimento della figura di alta pressione e un primo abbassamento di latitudine del flusso perturbato atlantico determinerà così l’arrivo di precipitazioni, per lo più di debole intensità, su Emilia, Lombardia, Nord-Est, versante tirrenico e in modo ancor più marginale sulle nostre due Isole Maggiori.

Solo tra il Levante Ligure, la Toscana settentrionale e il Friuli Venezia Giulia i fenomeni sono attesi più organizzati e intensi per via della migliore interazione che il flusso umido avrà con i rilievi (fig. 2, a sinistra). Tornerà anche un po’ di neve sulle Alpi ma quote medie – cioè tra gli 800 e i 1300 metri – dal momento che le temperature presenteranno ancora un segnale di anomalia positiva seppur meno intensa rispetto a quella che ha caratterizzato l’ultima decina di giorni (fig. 2, a destra).



Il nuovo anno sarà così tenuto a battesimo dalle correnti occidentali, dapprima tese e poi probabilmente più ondulate a partire dalla seconda parte della prossima settimana (fig. 3). L’aumento dell’ampiezza delle oscillazioni dovrebbe così permettere ai sistemi nuvolosi di essere più incisivi e quindi di apportare precipitazioni più organizzate. Nei prossimi giorni vedremo di saperne di più.

Previsione tra il 31 dicembre e il primo gennaio

Tendenza per il 4-5 gennaio 2024


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa