Immagine La Corrente del Golfo rallenta? Quali le conseguenze sul clima?
Un nuovo studio avrebbe rilevato che la Corrente del Golfo circola più lentamente, arrivando a compiere un "giro" completo in almeno 1600 anni. Se questa... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Webcam - Desulo (NU)
Webcam in località Desulo, nel comune di Nuoro, regione Sardegna.
Immagine Webcam - Cogoleto (Genova)
Webcam al Rifugio Prato Rotondo di Cogoleto, panorama nella provincia di Genova (GE), in... Leggi tutto...
Immagine Estate 1994: bollente anche in gran parte d’Europa
Nell'Estate del 1994, oltre alle punte elevate di temperatura, è stata evidente la persistenza del... Leggi tutto...
Immagine Neve Febbraio 2012: la zampata dell'orso siberiano
Come funziona tutto questo? Quali sono gli ingredienti che rendono possibili nevicate a quote basse... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Ascoli Piceno
La provincia di Ascoli Piceno è una provincia italiana di 210 066 abitanti (dato ISTAT 2016) della... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Modena
Come spesso succede in Emilia-Romagna, anche la provincia di Modena è divisa sostanzialmente in... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

PROSSIME 48-60 ORE: ATTENZIONE SUL NORD-EST PER PROBABILI TEMPORALI FORTI

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 18 Luglio 2023 15:00

PROSSIME 48-60 ORE: ATTENZIONE SUL NORD-EST PER PROBABILI TEMPORALI FORTI

Evoluzione attesa per il 19-20 luglio 2023Siamo entrati nel pieno di una bolla di calore che, tra alti e bassi, interesserà soprattutto le nostre regioni centro-meridionali almeno fino alla prima parte della prossima settimana. Anche sul Nord Italia il caldo intenso si farà sentire, ma la coperta del promontorio nord africano non sarà sufficientemente lunga da coprire tutte le regioni. Il Settentrione si trova infatti ai margini dell’azione stabilizzatrice della figura anticiclonica ed è quindi più esposto a infiltrazioni di aria relativamente più fresca e instabile che scorre al di là dell’arco alpino e che costituisce il bordo meridionale del grande fiume atmosferico a cui diamo il nome di flusso atlantico, pilotato in questi giorni sull’Europa dall’ampia circolazione ciclonica centrata sulla penisola scandinava.

Tra domani (mercoledì 19) e dopodomani (giovedì 20) queste correnti periferiche riusciranno a portarsi anche sul versante italiano dell’arco alpino e in questo modo andranno a instabilizzare relativamente l’atmosfera soprattutto sul Nord-Est. L’elevata energia potenziale presente nei bassi strati sotto forma di calore e di umidità potrà quindi essere spesa per formare temporali che, ancora una volta, potrebbero risultare localmente intensi e quindi essere accompagnati da nubifragi, grandinate anche di grosse dimensioni e violente raffiche di vento.

Non è semplice localizzare la dinamica di questo tipo di eventi, non solo per la natura del fenomeno che si sviluppa su scale spazio-temporali ridotte ma anche perché i probabili fenomeni saranno innescati da lievi cedimenti del promontorio nord africano in quota e di conseguenza possono ancor di più insorgere quelle incertezze legate al fatto che stiamo emettendo una previsione basandoci su una simulazione modellistica: basta quindi una lieve sovrastima o sottostima per osservare, a posteriori, incongruenze tra previsione e realtà.



Per essere più chiari, ci troviamo un po’ come in una stanza piena di palloncini, gonfi di aria calda e quindi pieni di energia potenziale. Il debole cedimento del promontorio funziona come uno spillo che, a caso, va a bucare qualche palloncino trasformandolo in violento temporale: l’incertezza è quale palloncino sarà bucato dagli spilli che non sono così tanto numerosi proprio perché il cedimento del promontorio nord africano non sarà significativo.

Possiamo quindi dire che, in linea generale, nelle aree evidenziate sarà medio-alta la probabilità di assistere, entro giovedì, alla formazione di fenomeni anche intensi che determineranno anche un lieve calo termico. Tra venerdì 21 e sabato 22 un ulteriore abbassamento di latitudine del flusso atlantico potrà estendere la propria influenza anche a parte del Centro attenuando temporaneamente la calura anche su queste regioni. Vedremo più in dettaglio questo aspetto nella prossima analisi.
Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche allapagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera








Stampa