Immagine Meteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: VIS (visibile)
Immagine nel canale visibile (VIS) del satellite MSG (Meteosat Second Generation) di Eumetsat elaborata da . Area europea e vicino atlantico. Europa (e... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine SI AFFACCIANO ALL’ORIZZONTE LE PRIME CIRCOLAZIONI DI STAMPO ESTIVO
Ci sono schemi sinottici che lasciano pochi dubbi sulle intenzioni della dinamica atmosferica nella... Leggi tutto...
Immagine SETTEMBRE CI SALUTERÀ CON UNA SETTIMANA DAL TEMPO AUTUNNALE
È arrivato anche l’autunno astronomico che quest’anno è andato di pari passo con il primo... Leggi tutto...
Immagine WRF CAPE - CIN (centro-nord)
Modello WRF con la carta per il Centro-Nord di due tipici indici termodinamici: il CAPE (misura... Leggi tutto...
Immagine WRF 850hPa RH (ita)
WRF NMM: mappa sull'Italia del modello fisico-matematico con l'umidità relativa e all'altezza... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

CALI TERMICI CON IL CONTA-GRADO

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 03 Agosto 2022 16:00

CALI TERMICI CON IL CONTA-GRADO

Evoluzione prevista tra il 5 e l'8 Agosto 2022Farà ancora molto caldo nei prossimi giorni sulla maggior parte delle nostre regioni perché almeno fino a domenica 7 agosto la situazione meteorologica sarà condizionata da una modesta espansione del promontorio nord africano verso l’Italia e dall’afflusso di aria subtropicale. Come abbiamo evidenziato nell’ultima analisi, la posizione della cresta anticiclonica passante con i massimi in quota al Centro-Nord – chiusi dall’isoipsa di 5880 metri (fig. 1, a sinistra) – contribuirà al raggiungimento delle temperature più elevate sulla Pianura Padana e poi su Toscana, Umbria e Lazio, dove nei prossimi quattro giorni sarà altamente probabile raggiungere valori massimi che cadranno per lo più nell’intervallo compreso tra i 35 e i 38 °C, con qualche punta di 39-40 °C non esclusa.

Un’altra area molto calda si collocherà tra Campania, Puglia settentrionale e Basilicata, dove nelle aree interne si potranno raggiungere mediamente 1-2 °C in meno rispetto a queste soglie di temperatura appena indicate. Se poi si escludono le zone interne della Sardegna e il catanese, dove in questo tipo di condizioni atmosferiche è facile veder superare i 35 °C, sul resto dell’Italia temperature massime per lo più comprese tra 29 e 34 °C andranno a definire la cornice di un’ondata di calore che consegnerà alla climatologia il prolungamento di una fase di caldo anomalo diventata ormai di lunga data per via di azioni poco incisive del flusso atlantico alle nostre latitudini.

Anche il nuovo impulso che si delineerà infatti venerdì 5 tra le Isole Britanniche e il Mare del Nord sembra destinato ad essere poco propenso a portare un cambiamento di circolazione sul Mediterraneo centrale. La saccatura nord-atlantica, in approccio all’Europa nord occidentale proprio nella giornata di venerdì, sarà infatti rincorsa da un aumento della pressione atmosferica dovuto all’espansione del promontorio delle Azzorre che, subendo l’accelerazione del flusso zonale lungo il proprio fianco settentrionale, farà rapidamente evolvere verso nord-est anche il cavo d’onda che potenzialmente avrebbe potuto apportare un buon rimescolamento dell'aria alle nostre latitudini: fino a qualche giorno fa, infatti, alcuni scenari consideravano anche questa ipotesi pur avvolgendola ancora nelle fitte nebbie della bassa attendibilità e quindi dandole ancora poco valore previsionale.



La rapida dinamica evolutiva indebolirà il cavo d’onda anche se, in modo marginale, l’azione periferica dell’ormai blanda circolazione ciclonica in quota riuscirà a determinare sulla nostra verticale quel calo di geopotenziale necessario ad attivare condizioni di instabilità a partire dalle regioni alpine e prealpine e in successiva espansione anche alla Val Padana nelle giornate di sabato e domenica, quando qualche fenomeno convettivo potrebbe affacciarsi in modo un po’ più convinto anche lungo l’Appennino. Non sono però queste le dinamiche atmosferiche capaci di determinare l'arrivo di masse d’aria più fresche che, in una situazione come quella che stiamo vivendo, possa determinare quel calo termico da essere inteso come un rinfrescamento vero e proprio. D’altro canto, stiamo parlando degli effetti che potrebbe avere sul campo termico dell’Italia l’evoluzione di un segnale (la saccatura nord atlantica) che, in fase di indebolimento nel suo allontanamento verso l’Europa nord-orientale, estenderà la sua azione periferica fino all’area del Mediterraneo centrale.

L’incertezza su cui stiamo discutendo sta riguardando quindi le sfumature su «quanto periferica» potrebbe essere questa influenza e quindi se l’obiettivo possa essere solo un’attenuazione del caldo, oppure un ritorno a temperature grosso modo in linea con le medie stagionali: ad oggi, cioè ad una previsione che arriva a 5-6 giorni, quei 2-3 °C di differenza tra la previsione media dell’anomalia di temperatura a 850 hPa (fig. 2) elaborata dal sistema probabilistico americano e quella elaborata dal sistema probabilistico europeo testimoniano proprio le difficoltà riscontrate, da parte della modellistica numerica, nell’inquadrare il perimetro di un cambiamento di circolazione che, almeno fino all’inizio della prossima settimana, sarà molto probabilmente ancora molto marginale.

Anomalia della temperatura tra l'8 e il 9 Agosto


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa