Immagine Radiosondaggi di Bologna (WRF)
Radiosondaggi per la città di Bologna. La previsione del modello WRF-NMM

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Webcam - Trieste (Trieste)
Webcam Trieste, (TS): davvero uno splendido panorama nella regione Friuli Venezia Giulia. Di... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Courmayeur (Aosta)
Webcam a Courmayeur, nota mèta turistica in provincia di Aosta (AO), in Valle d'Aosta.
Immagine WRF MSLP 3hSnow (centro-nord)
Mappa Centro-Nord Italia del modello WRF con altezza dello zero termico e l'accumulo di neve (in... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Firenze
Gli spaghetti Ensemble sono più corse, in questo caso, del modello americano GFS. Raffigurati il... Leggi tutto...
Immagine Le eruzioni sottomarine: meraviglie "idro" geologiche della Natura...
Secondo una valutazione molto approssimata, attualmente esisterebbero sul nostro pianeta un milione... Leggi tutto...
Immagine Alta pressione e bassa pressione: il "bello" ed il "cattivo" tempo
Le previsioni meteo negli ultimi tempi hanno subìto una forte accelerazione, grazie ai mass media,... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

LA PRIMA PERTURBAZIONE DI DICEMBRE ATTRAVERSERÀ L’ITALIA ENTRO VENERDÌ: ECCO IL TEMPO PREVISTO NELLE PROSSIME 48 ORE

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 01 Dicembre 2021 17:00

LA PRIMA PERTURBAZIONE DI DICEMBRE ATTRAVERSERÀ L’ITALIA ENTRO VENERDÌ: ECCO IL TEMPO PREVISTO NELLE PROSSIME 48 ORE

Mappe per il 2 e 3 Dicembre 2021L’inverno meteorologico iniziato oggi ha debuttato all’insegna degli avamposti di un nuovo cambiamento del tempo che tra domani (giovedì 2) e dopodomani (venerdì 3) vedrà sull’Italia il passaggio di una nuova perturbazione atlantica, attualmente in fase di ingresso sul Mediterraneo occidentale. Il sistema frontale è guidato da una saccatura che prende forma dalla penisola scandinava e che nelle prossime 48 estenderà la propria influenza anche alle nostre regioni, attraversandole con la sua parte meridionale da ovest verso est (fig. 1). Questa dinamica causerà inizialmente un richiamo di aria mite in arrivo dal Mediterraneo meridionale e dall’entroterra sahariano e successivamente, dopo il transito dell’asse della saccatura, vedrà l’ingresso di aria fredda marittima che avrà origine in parte polare e in parte artica. La nuova massa d’aria proveniente dalle alte latitudini farà il proprio ingresso sull’Italia soprattutto venerdì causando un generale ma temporaneo calo termico perché l’avvicinamento da nord-ovest di una nuova perturbazione, prevista transitare poi a cavallo del fine settimana, imporrà una nuova rotazione dei venti dai quadranti meridionali già nella giornata di sabato 4 dicembre.



Intanto, nella giornata di domani (giovedì 2), il passaggio di questa prima perturbazione porterà piogge al Nord-Est, al Centro, sulla Sardegna e sulla Campania (fig. 2, a sinistra). Sulla costa tirrenica e su quella occidentale della Sardegna non si esclude la probabilità anche di qualche temporale. Nevicate sulle Alpi orientali a quote intorno a 1000 metri ma in calo fino a 5-600 metri, sull’Appennino centro-settentrionale a quote intorno a 1300-1600 metri ma in calo entro sera-notte fino a 800-1300 metri e sul massiccio del Gennargentu in genere oltre i 1200 metri. Tra il pomeriggio e la serata i fenomeni tenderanno dapprima ad attenuarsi e successivamente ad esaurirsi sul Nord-Est, sul Levante Ligure e sulla Toscana, incalzati da un temporaneo miglioramento che si affaccerà da ovest e che già in mattinata si farà strada su Valle d’Aosta, Piemonte, ovest Lombardia e Ponente Ligure. Ancora in attesa le regioni meridionali peninsulari e la Sicilia, dove dalla sera tenderà ad aumentare la nuvolosità. Venti da moderati a forti in rotazione ciclonica attorno al minimo di bassa pressione che a metà giornata si posizionerà sul Golfo Ligure (fig. 2, a destra). Mari in genere da molto mossi ad agitati. Venerdì 3 dicembre la perturbazione si sposterà al Sud (fig. 3, a sinistra). Si prevede quindi un cielo molto nuvoloso o coperto su Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia e Campania meridionale dove si attendono i fenomeni più intensi e organizzati, anche a carattere temporalesco specie lungo il versante tirrenico. Tempo instabile lungo il versante adriatico centrale, dove l’ingresso dei venti nord-orientali addenserà nubi e precipitazioni tra le Marche, l’Abruzzo e il Molise: con il graduale ingresso dell’aria fredda, si prevede sui rispettivi rilievi di queste regioni un calo della quota delle nevicate al di sotto dei 1000 metri. Iniziali condizioni di tempo instabile anche in Sardegna, con nevicate sui rilievi in calo fino a 800 metri, ma con tendenza ad attenuazione dei fenomeni dal pomeriggio. Prevalenti condizioni di cielo poco o parzialmente nuvoloso al Nord e sul versante tirrenico centro-settentrionale, con tendenza ad ulteriori ampie schiarite. Venti da moderati a forti in rotazione ciclonica attorno al minimo che a metà giornata si posizionerà sul Mare Adriatico centrale e che causerà una burrasca di maestrale sul Mar di Sardegna, in attenuazione dal pomeriggio (fig. 3, a destra). Mari in genere da molto mossi ad agitati, ad eccezione del Mar di Sardegna che dalla notte su venerdì 3 vedrà rapidamente crescere il proprio moto ondoso fino a grosso, con mareggiate sulla costa occidentale dell’Isola.

Previsioni per il 2 Dicembre

Previsioni per il 3 Dicembre


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa