Immagine Meteo e Clima in Provincia di Caserta
Nella provincia di Caserta si trova la zona pianeggiante più estesa della regione e il clima ne è influenzato di conseguenza. La parte che va dalla costa ai... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine WRF MTS (Mean Thunder Storm) e Hail Index (ita) (ita - backup)
L'indice MTS (Mean ThunderStorm Index) per l'Italia con la probabilità dei fenomeni intensi e con... Leggi tutto...
Immagine Icon 1h/3h Prec (Wz)
Precipitazioni previste (con gli accumuli su 1 ora e 3 ore) dal modello tedesco ICON.
Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 2 - Gli elementi meteorologici principali
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Parchi eolici come predatori: come agiscono sugli ecosistemi
Gli scienziati sanno da tempo che i parchi eolici e le turbine eoliche uccidono gli uccelli, anche... Leggi tutto...
Immagine Protocollo di Kyoto: l'Italia non raggiunge gli obiettivi e tarocca i dati?
La notizia era già "nell'aria", ma i dati che l'ISPRA, (Istituto per la Protezione e la Ricerca... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

SEGNALE ANTICICLONICO PREVALENTE DURANTE LA PROSSIMA SETTIMANA: LE CORRENTI PERTURBATE ATLANTICHE TORNERANNO ALLE ALTE LATITUDINI

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 05 Novembre 2021 18:00

SEGNALE ANTICICLONICO PREVALENTE DURANTE LA PROSSIMA SETTIMANA: LE CORRENTI PERTURBATE ATLANTICHE TORNERANNO ALLE ALTE LATITUDINI

Mappa proiezione media settimana 8-14 novembre 2021Utilizzando l’approccio probabilistico alla previsione del tempo è possibile cogliere quale sarà il segnale dominante che caratterizzerà la dinamica atmosferica a lungo termine, durante la seconda settimana di novembre. Tenendo conto delle ultime elaborazioni fornite dal sistema di ensemble del modello del Centro Europeo ECMWF, si evince che il flusso perturbato atlantico tornerà a scorrere molto probabilmente alle alte latitudini (fig. 1), mentre sull’Europa centro-occidentale prenderà forma un segnale anticiclonico piuttosto robusto facente capo all’alta pressione delle Azzorre.

Il disegno barico inquadrato dall’anomalia del geopotenziale a 500 hPa ci mostrerà quindi una situazione sfavorevole all’ingresso sul Mediterraneo occidentale delle perturbazioni atlantiche che proprio sulla penisola iberica e sulla Francia troveranno nella figura anticiclonica un ostacolo difficilmente superabile.

Solo sull’entroterra nord africano tra Algeria e Tunisia e sul settore del Mare Nostrum intorno alle nostre due Isole Maggiori insisterà probabilmente una circolazione ciclonica secondaria, legata a ciò che resterà della saccatura che ha accompagnato il passaggio della perturbazione degli ultimi due giorni (3 e 4 novembre) e che stiamo seguendo nelle analisi passo dopo passo nella sua evoluzione a goccia fredda.



Dal punto di vista termico questa situazione si tradurrà in un apporto in media troposfera, intorno ai 1500 metri, di aria subtropicale marittima verso tutta l’Europa centro-occidentale, dove probabilmente avremo anomalie fino a 3-4 °C (fig. 2, a sinistra): se da un lato questa dinamica comporterà un aumento della quota dello zero termico sull’arco alpino, nei bassi strati è probabile che il segnale di anomalia positiva della temperatura si riduca soprattutto nelle aree interne, dove si potrebbe intensificare il fenomeno dell’inversione termica.

Dal punto di vista pluviometrico, si prevedono precipitazioni inferiori alla media sull’Europa centro-occidentale e superiori alla media in area mediterranea, dove insisterà la circolazione ciclonica secondaria (fig. 2, a destra). Per ovvi motivi legati all’affidabilità della previsione che come ormai sappiamo diminuisce aumentando l’orizzonte temporale, non è ancora possibile dire se questa linea di tendenza rappresenterà una fase temporanea o potrebbe gettare le basi per un nuovo stallo della dinamica atmosfera alle nostre latitudini.

Anomalia della temperatura 8-14 Novembre 2021


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa