Immagine Webcam - Ferrara (Ferrara)
Webcam a Ferrara (FE), regione Emilia Romagna. Veduta su Corso Martiri a cura di bolognameteo.it.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Meteorologia, Volume 5 - Nubi e precipitazioni
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 2 - Gli elementi meteorologici principali
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine I video con il meteo di Paolo Sottocorona su La7
I Video con le previsioni meteo del Capitano Paolo Sottocorona, un caro amico di Centrometeo, messi... Leggi tutto...
Immagine Estate di San Martino: tra scienza e leggenda
San Martino, patrono di Belluno e diversi altri comuni, si celebra l'11 Novembre, data non... Leggi tutto...
Immagine WW3 Italia - Wave Height, 10m Wind
L'andamento del moto ondoso previsto dal modello Wavewatch III (WW3) per i mari italiani.... Leggi tutto...
Immagine GENS 500hPa StD
Ensemble GFS che rappresenta l'altezza geopotenziale a 500hPa con la media di 21 membri e la loro... Leggi tutto...

Inverno 2020: il più caldo mai registrato senza un super El Niño

Inverno 2020: il più caldo mai registrato senza un super El Niño

Anomalia temperature inverno negli anniL'inverno 2020 è stato il secondo più caldo, secondo il NOAA, ma sarebbe ancora più alto se non fosse stato per El Niño.

Il 1° marzo ha segnato convenzionalmente l'inizio della primavera meteorologica. "Il secondo dicembre più caldo, il gennaio più caldo e il secondo febbraio più caldo hanno determinato il secondo periodo stagionale più caldo da dicembre a febbraio nel periodo di 141 anni", si legge nell'ultimo rapporto sul clima globale NOAA per febbraio 2020. I dati climatici di NOAA risalgono al 1879.

Secondo il rapporto, la temperatura superficiale media globale (attraverso terra e oceano) per dicembre-febbraio era di 1,12°C sopra la media del 20° secolo di 15,6°C.L'unico periodo dicembre-febbraio che ha avuto temperature più elevate è stato da dicembre 2015 a febbraio 2016, con +1,18°C.

Ma l'inverno 2015-16 è stato un po' singolare, a causa di un evento estremo di El Niño verificatosi nell'Oceano Pacifico equatoriale. Infatti, sulla base di osservazioni all'epoca e di un'indagine approfondita dopo il fatto, l'evento 2015-2016 è ora classificato come il più forte El Niño mai registrato.

All'inizio del 2016 lo scienziato climatico della NASA Gavin Schmidt ha stimato il contributo di El Niño alle temperature globali nel 2015 a +0,07°C. Per il 2016, quando l'evento si è dissipato, scaricando una buona porzione del calore oceanico accumulato nell'atmosfera, il contributo di El Niño alle temperature globali è stato stimato a +0,12°C.


Anomalie inverno 2019-2020, mappa globaleMentre tali contributi indicano l'influenza di El Niño sulle temperature annuali per entrambi gli anni, l'evento ha avuto il suo impatto più intenso nel periodo da ottobre 2015 a febbraio 2016. L'Oceanic Niño Index (ONI) di NOAA, che registra la temperatura media della superficie del mare attraverso l'Oceano Pacifico centrale tropicale, ha avuto un valore di +2,6°C da novembre 2015 a gennaio 2016 (il più alto che abbia mai raggiunto).

Da dicembre 2015 a febbraio 2016 era ancora a +2,5°C. Senza tale influenza, l'inverno 2015-2016 sarebbe stato molto più fresco e probabilmente in nessun luogo vicino ai +1,12°C sopra il valore normale registrato per dicembre 2019-febbraio 2020.Siamo ancora all'inizio del 2020, al momento in cui scriviamo.

Ci sono molte cose che potrebbero accadere con le temperature globali, man mano che l'anno avanza.

Comunque sia, le medie della temperatura globale, finora per quest'anno, stanno già creando una tendenza piuttosto allarmante in quanto è cominciato molto più caldo rispetto al 2019, andando di pari passo con il 2016 e senza un modello El Niño nel Pacifico.

C'è ancora tempo perché le anomalie della temperatura globale si raffreddino e riducano la media. Tuttavia, dovremo osservare attentamente questa tendenza...

A cura di Dario De Santis
Fonte: accuweather.com

Stampa