Immagine Satelliti programma Modis. Italia. Canale: VIS (visibile)
Italia canale visibile, satellite Terra (Modis-Nasa, rielaborazione Meteociel). Aggiornamento tra le 14 e le 16 Italia canale visibile, satellite Aqua... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Spaghetti Ensemble di Ragusa
Gli spaghetti Ensemble sono più corse, in questo caso, del modello americano GFS. Raffigurati il... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Bologna (WRF)
Meteogramma: molti parametri atmosferici previsti nel tempo e inseriti una sola cartina. Qui il... Leggi tutto...
Immagine La formula ipsometrica
Sebbene in modo approssimato per i motivi che illustreremo tra poco, essa descrive la differenza di... Leggi tutto...
Immagine NUOVO PASSAGGIO INSTABILE DA DOMENICA A PARTIRE DAL NORD, MA È INCERTA L’ENTI...
Le nostre regioni nord-occidentali aspettano la pioggia come manna dal cielo per mettere qualche... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Passo Stelvio (Bolzano, Sondrio)
Webcam Passo dello Stelvio, 2757 metri slm, il valico automobilistico più alto d'Italia e il... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Rimini (Rimini)
Webcam Rimini (RN), regione Emilia Romagna: panoramica di spiaggia e mare.

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

FREDDO INTENSO IN ARRIVO DA GIOVEDÌ: PER ALCUNI GIORNI L’ITALIA SARÀ INTERESSATA DA CORRENTI ARTICHE CONTINENTALI.

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 09 Febbraio 2021 17:00

FREDDO INTENSO IN ARRIVO DA GIOVEDÌ: PER ALCUNI GIORNI L’ITALIA SARÀ INTERESSATA DA CORRENTI ARTICHE CONTINENTALI.

Circolazione in quota prevista per il 14 Febbraio 2021Gli ultimi aggiornamenti confermano l’arrivo di correnti molto fredde sull’Italia a partire dal pomeriggio di giovedì 11 febbraio, a partire dal Nord-Est: si tratterà di aria di matrice artico-continentale che si propagherà a tutta l’Italia nel corso del fine settimana raggiungendo l’apice dell’intensità tra domenica 14 e lunedì 15, per poi iniziare ad attenuarsi. Dopo aver dato modo alla modellistica numerica di ricalcolare il quadro sinottico associandolo ormai a un buon grado di affidabilità, vediamo quale sarà molto probabilmente la dinamica che sarà messa in moto dall’atmosfera per far giungere sull’Italia un raffreddamento che sarà per molte regioni particolarmente sensibile.

Poiché i dettagli su ogni qualsiasi evoluzione possono essere colti solo nel momento in cui appare chiara la forma della configurazione che ne è responsabile, analizziamo come andranno disponendosi le figure di alta e di bassa pressione in quota e al suolo nella giornata di domenica per poter cogliere le caratteristiche peculiari di questa nuova fase meteorologica che chiuderà per il momento le porte all’egemonia del flusso atlantico.

Nella prima figura è rappresentata la situazione prevista a circa 5500 metri di quota, in cui è interessante osservare il contributo di matrice subtropicale responsabile dell’espansione lungo i meridiani passanti per il Mare del Nord di un modesto promontorio che, a foggia di cresta dell’onda, separerà due sistemi ciclonici ugualmente estesi e intensi: a sinistra quello atlantico responsabile del flusso perturbato e a destra quello continentale responsabile dell’intensa ondata di gelo che sta interessando i paesi dell’Europa centro-orientale. La spinta meridiana dell’onda anticiclonica sarà in parte soffocata dal peso del flusso zonale che arriverà senza incontrare alcun ostacolo fin quasi sulle coste dell’Europa occidentale e che non permetterà quindi alla figura di alta pressione di prendere completamente in mano le redini del gioco.



Circolazione al livello del mare per il 14 Febbraio 2021
Isoterme a 850hPa attese per il 14 Febbraio 2021

Possiamo quindi affermare che il campo anticiclonico cercherà di adattarsi alla situazione, limitandosi a offrire il proprio fianco orientale alla discesa delle correnti artiche ma senza provare a imporsi sulle due ampie circolazioni cicloniche rinforzandosi ed espandendo ulteriormente il proprio dominio che resterà invece piuttosto limitato. Ai fini del tempo previsto sull’Italia, questa relativa debolezza può essere colta anche nella configurazione barica che molto probabilmente andrà costruendosi nei bassi strati, sempre nella giornata di domenica (figura 2).

Balza infatti all’occhio la forma dell’asse principale attorno al quale si distribuirà il campo anticiclonico perché, disponendosi su una specie di lettera “L”, condizionerà l’entità del raffreddamento destinato alla nostra penisola proprio nella fase di massimo afflusso delle correnti. Se l’area continentale balcanico-danubiana sperimenterà la parte più intensa dell’irruzione perché si troverà sul lato destro dell’asse, sull’Italia l’aria gelida in arrivo tenderà infatti a smorzare gradualmente la propria intensità perché lungo il suo cammino per giungere fino a noi dovrà prima curvare: in questo modo, diventerà meno vincolante il collegamento con il vasto serbatoio gelido presente a oriente.

Questa caratteristica è bene evidente anche nella distribuzione del campo termico previsto sulla quota isobarica di 850 hPa, cioè a circa 1500 metri (figura 3): osservando infatti la previsione della posizione delle isoterme basandoci ancora sulla media di ensemble, la vicinanza tra le stesse sui bacini che circondano l’Italia testimonia la graduale perdita dell’intensità dell’irruzione man mano che ci spostiamo dall’Adriatico al Mar delle Baleari. La parte più fredda della massa d’aria interesserà infatti le regioni settentrionali tra venerdì e sabato e molto probabilmente il versante adriatico centro-settentrionale tra sabato e domenica, dove la temperatura a circa 1500 metri potrebbe oscillare attorno ai -10 °C.

Tra domenica e lunedì, invece, il nucleo di freddo più intenso raggiungerà le regioni meridionali. Indipendentemente da questa tempistica, per tutta la penisola e in particolar modo per il versante orientale si tratterà di valori termici di tutto rispetto, tipici di un’intensa ondata di freddo dalle caratteristiche prettamente invernali, considerando tra l’altro che questa massa d’aria viaggia nei bassi strati dell’atmosfera e di conseguenza al suo arrivo il sensibile calo termico si avverte in poco tempo. Bisognerà ora valutare l’entità del raffreddamento sulle diverse aree dell’Italia e gli effetti che questa irruzione avrà sullo stato del tempo non solo nel momento in cui l’aria fredda irromperà tra giovedì e venerdì, ma anche quando il flusso artico sarà a regime: in queste condizioni, infatti, è molto probabile avere nevicate fino a quote molto basse e a tratti anche sulle coste, specie sui settori esposti alle correnti orientali.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa