Immagine Radiosondaggi di Grosseto (WRF)
Anche per Grosseto la previsione dei radiosondaggi dal modello wrf-nmm

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Torino
La provincia di Torino è composta da una parte montagnosa ad ovest e a nord lungo il confine con... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Lazio - Mappe grafiche dettagliate delle 24 ore
Le previsioni meteo per la regione Lazio. Il tempo atteso per i prossimi giorni. Riassunto nelle 24... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine WRF TT-SWEAT (centro-sud) - ARW by GFS
Mappa, Centro-Sud Italia, del modello WRF-ARW (inizializzazione: GFS) con altri due classici indici... Leggi tutto...
Immagine WRF Fog-Dpt (centro-nord)
In questa mappa WRF per il Centro-Nord estrapoliamo, assieme alla dew point (temperatura di... Leggi tutto...

ALCUNE CONSIDERAZIONI PRIMA DELLE PREVISIONI PER I PROSSIMI GIORNI

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 30 Settembre 2020 18:00

ALCUNE CONSIDERAZIONI PRIMA DELLE PREVISIONI PER I PROSSIMI GIORNI

Venti attesi 2 Ottobre 2020A partire da domani inizieremo a dettagliare la previsione relativa all’intenso passaggio perturbato che ci terrà compagnia nel fine settimana, con strascichi anche all’inizio della prossima. Le dinamiche atmosferiche peculiari, da cui dipenderà la localizzazione degli eventi più intensi capaci di far ricadere sul terreno ingenti quantitativi di pioggia, saranno essenzialmente due: lo sbarramento offerto dai rilievi alpini e appenninici alle correnti meridionali (stau) e la convergenza tra flussi provenienti da direzioni diverse.

Giusto per avere un’idea, nell’immagine allegata è raffigurata la previsione della velocità del vento a 2 metri (espressa in km/h) per la serata di venerdì 2 ottobre, quando inizierà probabilmente la fase più critica del peggioramento.

Il campo di vento qui raffigurato è ovviamente da intendere in continua evoluzione ora dopo ora, come del resto saranno in continua evoluzione anche le dinamiche di interazione tra flusso e orografia e le dinamiche impostate dalle convergenze.

Possiamo allora ben comprendere come piccole variazioni della velocità e della direzione di provenienza dei flussi possano spostare i picchi di precipitazione che, osservati su modello ricorrendo alle macchie colorate, devono essere interpretati solo ed esclusivamente come una stima della cumulata di pioggia che potrebbe cadere, affetta comunque da un errore che può anche essere rilevante.

Anche perché, come abbiamo più volte detto su questa pagina, il modello è un simulatore del comportamento dell’atmosfera e del territorio su cui la circolazione atmosferica si muove. In secondo luogo, più il fenomeno è localizzato (come per esempio una convergenza), maggiore è la difficoltà da parte del modello stesso nel poter inquadrare questo fenomeno.

Ecco perché le chiamiamo “previsioni del tempo” e non “certezze del tempo”. Credo però che, proprio per toccare con mano il lavoro di un meteorologo, sia necessario a volte far vedere anche un “dietro le quinte” come questo perché penso che aiuti a capire quanto sia importante la prudenza del delineare soprattutto quelle evoluzioni che potrebbero comportare criticità.

Se si aspettano quindi gli ultimi aggiornamenti per elaborare una previsione più realistica possibile, un motivo sicuramente c'è. Teniamolo sempre a mente.


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa