Immagine Nevada, Stati Uniti: un'area selvaggia designata come uno dei posti più bu...
Si trova in un angolo remoto del Nevada nordoccidentale, vicino ai confini della California e dell'Oregon ed è diventato il settimo posto al mondo ad essere... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Meteorologia, Volume 5 - Nubi e precipitazioni
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine WRF Wind 10m (ita) - ARW
Modello WRF-ARW con la tipica carta, qui per l'Italia, dei venti previsti a 10 metri. Sono... Leggi tutto...
Immagine GFS 850hPa Temp - MSLP
GFS 850hPa Temp, MSLP: temperatura e pressione al livello del mare previsti dal modello americano... Leggi tutto...
Immagine Risorse idriche in Italia e consumo di acqua potabile
Siamo fortunati. Il nostro Paese è tra i più ricchi d'acqua, almeno potenzialmente. Mediamente le... Leggi tutto...
Immagine Record: i 5 luoghi più caldi della Terra
Death Valley, Stati Uniti d'AmericaCalifornia Death Valley detiene il record per la più alta... Leggi tutto...

I SEGNALI NON SEMPRE COSÌ EVIDENTI DEL DECLINO STAGIONALE.

Scritto da Andrea Corigliano Giovedì 20 Agosto 2020 00:00

I SEGNALI NON SEMPRE COSÌ EVIDENTI DEL DECLINO STAGIONALE

Il labirinto... stagionaleSul finire di agosto, ultimo mese dell’estate meteorologica, l’analisi delle linee di tendenza a lungo termine iniziano a essere rivolte alla ricerca di segnali che lascino intendere come la bella stagione sia ormai sulla via del tramonto.

All’interno del complesso sistema atmosferico non si può pensare ovviamente che il passaggio del testimone all’autunno si verifichi istantaneamente dall’oggi al domani, al contrario avviene con gradualità.

È una gradualità che dovrebbe essere scandita da eventi, cioè da incisive azioni instabili che fanno capire come qualche pezzo del giochino che si chiama “la bella stagione” si rompe inevitabilmente e non può essere più aggiustato. Certo, il giochino può ancora funzionare, ma azione dopo azione esso diventa sempre più difettoso fino a quando si ferma del tutto e non possiamo fare altro che gettarlo via.

Ho volutamente utilizzato questa metafora per far comprendere a voi lettori che cosa andremo a cercare nelle prossime settimane. Andremo a vedere se, tra gli scenari calcolati dalla modellistica numerica, si dovessero intravedere eventi in grado di minare innanzitutto le fondamenta della bella stagione che risiedono nella stabilità atmosferica.

Andremo quindi alla ricerca di segnali robusti e affidabili che diano indicazioni sull’avvio di fasi meteorologiche caratterizzate da ferite significative alla stabilità estiva in cui però, questa volta, la strada verso il ripristino di condizioni soleggiate non avviene in poco tempo (tipico dell’estate), ma in tempi un po’ più lunghi (ecco il giochino che inizia a rompersi).

Dovrebbero essere questi i primi indizi di un autunno che inizia a scaldare i motori e che, con il passare delle settimane e dei mesi, dovrebbe fare diventare la sua azione sempre più incisiva fino all’apertura definitiva della porta atlantica e all’arrivo in serie di sistemi perturbati fino al Mediterraneo.

Ciò che abbiamo appena descritto racconta il percorso climatologico che segna il passaggio dall’estate all’autunno, cioè come si aspettiamo che si comporti il tempo da qui fino a novembre. Ma funziona sempre così? Non proprio. Perché può anche capitare che quelle azioni incisive talvolta non si presentino all’appello o lo facciano in maniera così irregolare da non arrecare troppi danni al giochino della “bella stagione”.

E allora l’estate diventa come una trottola che ruota e che non viene più di tanto stuzzicata da una forzante esterna per farle perdere l’equilibrio: la trottola continua a ruotare fino a quando non si ferma da sola. Come dire che la bella stagione è destinata a morire di vecchiaia, regalando ancora in settembre e in ottobre periodi di caldo fuori stagione, ovviamente in relazione al periodo.


Nei prossimi giorni inizieremo proprio a entrare in questa sorta di labirinto atmosferico per cercare di trovare, strada facendo, il percorso che ci porterà verso la nuova stagione. Come arriveremo all'autunno? Quale strada intraprenderà l'atmosfera quest'anno? Sarà sicuramente bello scoprirlo insieme.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa