Immagine Meteo e Clima in Provincia di Trento
La provincia di Trento si trova nel versante meridionale della catena delle Alpi, a contatto con la pianure padana e veneta. Si tratta di un territorio quasi... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Nubi e onde gravitazionali (atmosferiche)
Le nuvole rivelano sempre i fenomeni che li coinvolgono. Anche le cosiddette "onde di gravità... Leggi tutto...
Immagine L’Appennino divide in due la Pianura Padana
Nel Settembre 1993 correnti sud-occidentali caldo-umide abbinate alla conformazione... Leggi tutto...
Immagine WRF 850hPa RH (centro-nord)
WRF NMM: mappa per il Centro-Nord del modello fisico-matematico con l'umidità relativa e... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Ascoli Piceno (WRF)
La previsione dei parametri atmosferici raffigurati in un'unica carta: il meteogramma della città... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Trieste
La provincia di Trieste è quasi interamente compresa nel comprensorio del Carso. Si tratta di una... Leggi tutto...
Immagine Capire le Previsioni del Tempo: tipologie, validità e tappe da seguire
Dall'Enciclopedia Treccani: prevedére v. tr. [dal lat. praevidere, comp. di prae- «pre-» e... Leggi tutto...

IL TEMPO DELLA PROSSIMA SETTIMANA: SPUNTI INSTABILI E ANCORA CALDO SENZA ECCESSI

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 12 Luglio 2020 00:00

IL TEMPO DELLA PROSSIMA SETTIMANA: SPUNTI INSTABILI E ANCORA CALDO SENZA ECCESSI

14-18 Luglio 2020Ci avviamo verso il giro di boa di una stagione estiva che si sta mostrando per certi aspetti molto simile a quelle di qualche decennio fa, quando era l’Anticiclone delle Azzorre a dettare le regole del gioco e a lasciare poco spazio alle ondate di calore di matrice nord africana.

Questo segnale caratterizzerà il tempo anche nei prossimi 6-7 giorni in quanto sullo scenario europeo la disposizione dei centri motore sarà tale da esporre la nostra penisola a correnti provenienti mediamente dai quadranti nord-occidentali.

L’azione congiunta tra l’anticiclone azzorriano a ovest e una circolazione depressionaria sull’Europa orientale – alimentata da impulsi freschi che seguiteranno a scivolare proprio sul bordo settentrionale del campo di alta pressione – esporrà così l’Italia a un regime atmosferico che risulterà probabilmente abbastanza dinamico perché alternerà fasi soleggiate ad altre più instabili a seconda del grado di curvatura ciclonica/anticiclonica che si susseguirà in quota giorno dopo giorno: sono questi ovviamente dei dettagli che andranno definiti di volta in volta.

In questo contesto le temperature non raggiungeranno valori elevati, ma oscilleranno grosso modo attorno alle medie del periodo.

Arriveremo così alla fine della seconda decade di luglio senza aver ancora avuto un’espansione del promontorio nord africano verso l’Italia: abituati a ben altre situazioni, siamo di fronte a una notizia degna di nota.



Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa