Immagine La misura dei terremoti: scala Mercalli e scala Richter
L'intensità dei terremoti era un tempo misurata sostanzialmente dalla "scala Mercalli" e le sue successve varianti. Caratterizzata da valori interi e quindi... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine ANCORA PERTURBAZIONI IN ARRIVO, MA UNA TREGUA SI PROFILA ALL’ORIZZONTE
Prima di proseguire l’analisi dello scenario meteorologico più probabile atteso per i prossimi... Leggi tutto...
Immagine DALLA PROSSIMA SETTIMANA IN CAMMINO VERSO UN AUTUNNO ALL’INSEGNA DELLA NORMALI...
Abbiamo fino ad oggi attraversato una stagione autunnale, iniziata dal punto meteorologico il 1°... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in Italia
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Snow Cover NE
Una mappa che esprime, per il Nord Emisfero, la distribuzione attuale della copertura nevosa.... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Catania (WRF)
Radiosondaggi per la città di Catania. La previsione del modello WRF-NMM

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Tempo previsto per Domenica 1 Dicembre, inizio dell'inverno meteorologico

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 30 Novembre 2019 18:00

Tempo previsto per Domenica 1 Dicembre, inizio dell'inverno meteorologico

Il meteo atteso per Domenica 1 Dicembre 2019Dopo una breve tregua caratterizzata comunque da un tempo umido perché governato sempre dalle correnti oceaniche, le condizioni atmosferiche stanno nuovamente peggiorando da ovest per l’arrivo di una nuova perturbazione atlantica che nella giornata di domani, domenica 1° dicembre, farà debuttare l’inverno meteorologico con il ritorno delle precipitazioni sulle regioni settentrionali.

Non saremo nuovamente di fronte a condizioni di marcato maltempo perché nel corso della sua evoluzione, che si completerà nella giornata di lunedì 2, l’ampia saccatura che accompagna il sistema perturbato tenderà a rompersi nella sua parte terminale e a isolare così una goccia fredda tra il Mediterraneo occidentale e l’entroterra marocchino. Ci troveremo quindi in una situazione in cui l’avanzamento delle nubi e delle precipitazioni apparirà rallentato e parzialmente indebolito proprio per l’attenuazione dell’energia che solo gli scambi meridiani possono mettere a disposizione quando all’aria fredda che scende verso le basse latitudini corrisponde, in ugual misura, un richiamo di aria calda che sale seguendo il percorso opposto.

Il tempo di domani (vedi cartina) vedrà quindi la prima perturbazione dell’inverno portare nel corso del giorno e con progressione da ovest verso est precipitazioni da sparse a diffuse di intensità al più moderata sulle regioni settentrionali (con esclusione dell’Emilia orientale e della Romagna) e sulla Toscana settentrionale. Su questo ultimo settore e sulla Liguria le piogge, localmente anche di tipo temporalesco, potrebbero risultare a tratti più intense e quindi dar luogo a cumulate puntualmente significative. Nevicate sulle Alpi tra 800 e 1200 metri, ma con possibili sconfinamenti anche a quote inferiori fino alla collina in concomitanza dell’intrusione di aria un po’ più fredda, in transito sull’Europa centrale, che sfiorerà il nostro baluardo alpino. Sulle regioni centrali e sulla Sardegna assisteremo invece ad un graduale aumento della nuvolosità, ma senza precipitazioni degne di nota che invece giungeranno più organizzate sul settore peninsulare ma non sull’isola nella giornata di lunedì 2. Sul resto dell’Italia, invece, condizioni prevalentemente soleggiate.


A proposito della Sardegna, bisognerà comunque seguire l’evoluzione attesa tra martedì 3 e mercoledì 4 dicembre, quando la goccia fredda isolatasi sul Mediterraneo occidentale e sull’entroterra marocchino potrebbe fare dei passi verso est e quindi estendere la propria influenza in prima battuta all’isola e poi alle anche nostre regioni centro-meridionali. Si tratta al momento delle prime indicazioni che aspettano di trovare conferma nei prossimi aggiornamenti dei modelli numerici. Buona domenica.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa