Immagine WRF 0C-12hSnow (centro-nord) - ARW by GFS
Modello fisico numerico WRF-ARW (su base GFS) con l'accumulo di neve previsto sul Centro-Nord Italia in 12 ore (in cm) e lo zero termico.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine WRF MSLP 6hPrec (ita) - ARW by GFS
Classica mappa del modello WRF-ARW (dati GFS) con accumulo delle precipitazioni sull'Italia e la... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 6hPrec (ita)
Classica mappa del modello WRF con accumulo delle precipitazioni sull'Italia e la pressione ridotta... Leggi tutto...
Immagine La NEVE in Campania a Marzo 2016
È arrivata in Campania la seconda grande nevicata stagionale sui monti picentini, dopo il grande... Leggi tutto...
Immagine Tiramisù Light
Ingredienti per 8 personePreparazioneCotturaNote3 tuorli d'uovo3 cucchiai zucchero1 tazza di caffè... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Tempio Pausania (Olbia Tempio)
Webcam a Tempio Pausania, in provincia di Olbia Tempio (OT), in Sardegna.
Immagine Webcam - Monte Amiata (Grosseto)
Webcam Monte Amiata, il massiccio in provincia di Grosseto (GR), regione Toscana.

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

REGIME DI VARIABILITÀ, IN ATTESA DI UN NUOVO CAMBIAMENTO NEL FINE SETTIMANA

Scritto da Andrea Corigliano Giovedì 28 Novembre 2019 17:00

REGIME DI VARIABILITÀ, IN ATTESA DI UN NUOVO CAMBIAMENTO NEL FINE SETTIMANA

Scenario atteso anomalie temperature 1 e 2 Dicembre 2019Uno dei mesi di novembre più piovosi sta per chiudere i battenti all’insegna di un regime di variabilità governato sempre dalle correnti occidentali oceaniche che in questa fase non presentano ondulazioni così pronunciate da attivare quegli intensi scambi meridiani che contribuiscono a generare le condizioni di marcato maltempo che abbiamo sperimentato di recente.

Il nastro perturbato è sostanzialmente piatto e corre grosso modo lungo i paralleli passanti anche per l’Italia, elargendo sui versanti occidentali più esposti al flusso umido piovaschi sparsi e occasioni per schiarite che si presentano a tratti anche ampie e che regalano ai terreni le provvidenziali pause asciutte di cui hanno bisogno per drenare l’acqua piovuta in eccesso nelle ultime settimane.

Guardando a medio termine, tuttavia, si prevede l’ingresso di una nuova saccatura che accompagnerà probabilmente una nuova perturbazione in transito sulla nostra penisola tra domenica 1 e lunedì 2 dicembre.


La dinamica atmosferica legata a questo nuovo peggioramento è indicata in figura. Si nota l’ingresso di un centro depressionario sul Mediterraneo occidentale subito incalzato da una rimonta in pieno Oceano Atlantico dell’Anticiclone delle Azzorre che, lavorando temporaneamente in sinergia con una circolazione ciclonica presente sul nord della penisola scandinava, farà scivolare lungo il proprio fianco orientale masse d’aria fredda di duplice natura: una di origine artico marittima che sarà prevalentemente veicolata verso l’Europa centro-orientale e una di matrice polare marittima che sarà diretta essenzialmente verso i settori occidentali del nostro continente, fino a lambire l’entroterra marocchino.

Trovandosi sul fianco destro della depressione mediterranea, la nostra penisola si troverà invece inserita all’interno di un richiamo di aria mite di matrice subtropicale continentale che estenderà probabilmente la propria influenza fino alla penisola balcanica. Nei giorni successivi, la rapida espansione dell’anticiclone oceanico lungo i paralleli passanti per l’Europa orientale conterrà molto probabilmente l’affondo di aria fredda restringendolo a interessare solo alle alte latitudini e, allo stesso tempo, dovrebbe isolare la circolazione depressionaria sul Mediterraneo centro-occidentale. Passata la perturbazione a cavallo tra il week-end e l’inizio della prossima settimana, la nostra attenzione tra il 3 e il 5 dicembre si sposterà quindi nel seguire gli sviluppi di questa circolazione ciclonica che sarà probabilmente evoluta in goccia fredda sul nostro bacino.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa