Immagine Webcam - Jelsi (Campobasso)
Webcam a Jelsi, in provincia di Campobasso (CB), regione Molise.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in Italia
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Genova (Genova)
Webcam Genova (GE), panoramica sul porto del capoluogo della splendida regione Liguria.
Immagine Webcam - Alleghe - Monte Civetta (Belluno)
Webcam ad Alleghe, veduta del Monte Civetta, in provincia di Belluno (BL), altra meraviglia della... Leggi tutto...
Immagine Un posto al Sole: come sarebbe il mondo senza...
Spesso non ci si rende conto che quel clima che noi diamo per scontato è il risultato di lunghe... Leggi tutto...
Immagine Proverbi e detti popolari del mese di Maggio
Wikipedia docet: << Maggio è il quinto mese dell'anno secondo il calendario gregoriano ed il... Leggi tutto...

Ancora non si può parlare di vero autunno

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 14 Settembre 2021 00:00

Ancora non si può parlare di vero autunno

Mappa per il 16 Settembre 2021Questa carta del tempo prevista per il 16 settembre alle ore 14 locali è utile per capire perché nei prossimi giorni non si potrà ancora parlare di vero autunno.

Un altro timido passo verso la nuova stagione verrà certamente compiuto, ma le dinamiche autunnali sono ancora lontane dalle nostre latitudini.

Come possiamo vedere sull’Italia non è previsto il passaggio di alcuna perturbazione strutturata, cioè di un sistema composto dai fronti caldo (linea rossa con i semicerchi), freddo (linea blu con i triangolini) e occluso (linea fucsia con semicerchi e triangolini accoppiati).

Per quella data, gli unici due sistemi perturbati degni di essere così chiamati saranno quello in Oceano Atlantico legato a un minimo di 987 hPa e quello sul Mar Baltico legato a un minimo meno profondo, di 1007 hPa. Con il passaggio della parte più attiva della modesta saccatura che si sta muovendo da sud-ovest verso nord-est sull’Europa occidentale, si apprezzerà sui mari a ovest dell’Italia appena un cenno di blanda circolazione ciclonica tracciata dall’isobara di 1016 hPa, con un minimo relativo di 1013 hPa che potrebbe collocarsi tra il Piemonte meridionale e il Ponente Ligure giusto per essere pignoli. Troppo poco per parlare di peggioramento di stampo autunnale. Davvero troppo poco.

Per parlare di autunno, invece, dobbiamo immaginare di trascinare la perturbazione in Atlantico sul Mediterraneo. Immaginiamo poi di posizionare il suo minimo sul Golfo di Genova con una pressione centrale di almeno 1000 hPa, il fronte freddo sul Tirreno, il fronte occluso in Pianura Padana e il fronte caldo sul Mare Adriatico.

Ecco, una simile configurazione barica si verificherebbe come conseguenza tra l’interazione con la cerchia alpina di una saccatura atlantica ben strutturata. Il segnale autunnale, quello vero che annuncia le burrasche equinoziali, è fatto di questa pasta.



Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera


Stampa