Immagine Webcam - Locorotondo (Bari)
Webcam Locorotondo, provincia di Bari, regione Puglia. Panoramica. Su Centrometeo solo webcam selezionate!

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Radar composito Europa e Italia
Mappa Radar composita Europa e Italia, interattiva. Vari comandi e mappe disponibili.
Immagine Webcam - Jelsi (Campobasso)
Webcam Jelsi, provincia di Campobasso, in Molise. Panoramica. Su Centrometeo solo webcam... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Perugia
Spaghetti con Perugia protagonista in questo gruppo Ensemble del modello americano GFS. Previsione... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Roma (WRF)
Radiosondaggi attesi sulla città di Roma. Modello WRF-NMM
Immagine Meteorologia, Volume 5 - Nubi e precipitazioni
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, il Volume 5 dedicato alle Nubi e alle precipitazioni
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon. Gli estremi del passato...

TENDENZA FINO AL 30 NOVEMBRE: MALTEMPO SPECIE NORD-OVEST, POI VERSO UNA MAGGIORE VARIABILITÀ

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 20 Novembre 2019 19:00

LINEA DI TENDENZA FINO AL 30 NOVEMBRE: ANCORA MALTEMPO SPECIE AL NORD-OVEST, MA SI APRE LA STRADA VERSO UNA MAGGIORE VARIABILITÀ

Proiezione attesa per il periodo 21-25 NovembreAbbiamo iniziato la terza settimana di novembre sotto cieli spesso grigi e terreni ormai saturi su gran parte delle nostre regioni. Dopo un inizio d’autunno che si è mascherato d’estate fino a ottobre, ora stiamo facendo i conti con gli eccessi pluviometrici portati da una fase meteorologica che appare fin troppo consona alla stagione e che ha elargito piogge spesso in misura eccessiva e ben superiori a quelle indicate dai valori climatologici del periodo.

Peraltro, ancora per tutta questa settimana la situazione non è destinata a cambiare di molto rispetto a quanto abbiamo vissuto recentemente perché, seppur con delle differenze rispetto al disegno barico che ci ha interessato negli ultimi sette giorni, resterà ancora aperto quel canale depressionario attraverso il quale l’Oceano Atlantico continuerà a inviare a più riprese le perturbazioni generate dalla vivace attività del Ciclone d’Islanda. Fino al prossimo fine settimana saremo quindi ancora sotto l’influenza del flusso perturbato che troverà nuovamente nelle nostre latitudini l’unica via per evolvere perché impossibilitato a percorrere la strada europea che continua ad essere bloccata, proprio come se fosse un muro invalicabile, da un possente anticiclone di blocco (figura 1).

In particolare, all’interno di questo canale di bassa pressione bisognerà seguire con attenzione l’evoluzione di una complessa circolazione ciclonica che si farà strada da venerdì e che impegnerà soprattutto i settori di ponente nel corso del fine settimana, prima di isolarsi dalla circolazione principale e dirigersi attenuata come “goccia fredda” verso la Sicilia e il Mediterraneo orientale da lunedì. La traiettoria di questo ennesimo sistema ciclonico potrà essere penalizzante soprattutto per le nostre regioni di Nord-Ovest a causa dell’intenso richiamo sciroccale da esso attivato perché la stessa ventilazione calda e umida sud-orientale andrebbe a incentivare su queste zone la caduta di precipitazioni abbondanti e persistenti indotte dallo sbarramento orografico (stau). Si potrebbero quindi creare le condizioni per accumulare ancora ingenti quantitativi pluviometrici: vista la delicatezza della situazione, ritornerò quanto prima sul tema con un aggiornamento specifico.


Proiezione attesa per il periodo 26-30 NovembrePassata questa fase potremmo invece entrare in un regime meno perturbato che potrebbe farci compagnia nell’ultima parte del mese (figura 2). Dando infatti credito alle previsioni a lungo termine, sembra che nel corso della prossima settimana la parte più intensa del flusso atlantico si ritiri verso latitudini più settentrionali e riesca a percorrere la strada europea senza grossi ostacoli, dato l’indebolimento dell’anticiclone di blocco.

Sul Mediterraneo il segnale atmosferico dominante dovrebbe cambiare ed essere caratterizzato da una modesta curvatura anticiclonica: ciò non vorrà dire che andremo incontro ad una fase prettamente stabile e soleggiata, ma che probabilmente entreremo in un regime di variabilità in cui ci sarà spazio anche per schiarite più durature. Il flusso rimarrà infatti impostato da ovest e quindi favorevole al trasporto verso l’Italia di aria umida di origine atlantica in un contesto termico che si porterà su valori al di sopra delle medie climatologiche del periodo in maniera più evidente rispetto a quanto stiamo vivendo in questi giorni.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano


Stampa