Immagine Le magnitudo dei terremoti: perché ne esistono così tante?
Le magnitudo dei terremoti: perché ne esistono così tante? Proviamo ad orientarci in un argomento molto complesso...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Vietnam: la tempesta solare che fece esplodere le mine
Guerra del Vietnam: la tempesta solare che nel 1972 fece esplodere le mine marine
Immagine Le procedure di allerta meteo
Le procedure che portano ad emettere un'allerta meteo costituiscono un passaggio delicato e per... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni tra Centrometeo e Lineameteo!
Immagine WRF 850hPa Temp - Wind (ita)
Modello WRF con la mappa sull'Italia della temperatura e della circolazione dei venti all'altezza... Leggi tutto...
Immagine WRF Fog-Dpt (sard)
In questa mappa WRF per la Sardegna, cerchiamo di estrapolare, assieme alla dew point (temperatura... Leggi tutto...

Una settimana dinamica, tra giornate variabili e soleggiate

Scritto da Andrea Corigliano Lunedì 04 Febbraio 2019 11:00

UNA SETTIMANA DINAMICA, TRA GIORNATE VARIABILI E SOLEGGIATE

Dinamica atmosferica attesa tra il 5 e il 10 Febbraio 2019In questa settimana le condizioni atmosferiche saranno improntate ad un certo dinamismo dovuto all’avvicendamento di diverse figure bariche di passaggio.

Il Mediterraneo esce quindi dalla fase a tratti spiccatamente perturbata che abbiamo avuto negli ultimi giorni ed entra in un periodo in cui si alterneranno momenti soleggiati ad altri caratterizzati dalla variabilità. In particolare, fino a metà settimana le regioni meridionali saranno ancora interessate da una circolazione depressionaria legata ad alla goccia fredda in cui evolverà nelle prossime ore la saccatura giunta nel corso del fine settimana appena passato.

Questa figura chiusa di bassa pressione, presente a tutte le quote, si andrà a posizionare sul Mare Egeo e da questa posizione porterà ancora nuvolosità diffusa e precipitazioni in via di attenuazione specie sui versanti ionici. Al Centro-Nord e sulla Sardegna, invece, saranno garantite condizioni di stabilità e di mitezza nelle ore centrali del giorno grazie all’espansione dell’Anticiclone delle Azzorre. Tra giovedì e venerdì avremo probabilmente un lieve cambiamento perché l’avvicinamento all’arco alpino di una modesta saccatura atlantica piloterà il passaggio di una debole perturbazione che però dovrebbe portare pochi effetti: ad un aumento irregolare della nuvolosità, infatti, dovrebbero essere associate precipitazioni scarse e localizzate.


Nel fine settimana, potrebbe invece entrare temporaneamente in scena l’anticiclone nord africano che sarà probabilmente incalzato, già a partire da domenica, da un nuovo impulso perturbato di origine atlantica in avvicinamento al Nord. Per tutto il periodo non sono quindi previste irruzioni di aria fredda: il campo termico subirà infatti solo fisiologiche oscillazioni, ma senza portarsi su valori inferiori alle medie climatologiche della prima decade di febbraio.

Stampa