Immagine Webcam - Pesche (Isernia)
Webcam a Pesche con panorama su Isernia, in provincia di Isernia (IS), regione Molise.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine WRF Temp 850hPa Diff (centro-sud) - ARW by ICON
In questa mappa del modello WRF-ARW del Centro-Sud Italia, è rappresentata la differenza di... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP - 500hPa Temp (centro-sud) - ARW by GFS
Modello WRF-ARW con la mappa per il Centro-Sud della temperatura e dell'altezza geopotenziale a 500... Leggi tutto...
Immagine Glossario Meteo. Lettera F - Da Fahrenheit a Frontolisi
Fahrenheit Scala termometrica ottenuta dividendo in 180 parti l’intervallo compreso tra la... Leggi tutto...
Immagine Il ruolo dell'orografia nelle precipitazioni nevose
Studiando i dati, si può dedurre che la posizione orografica esercita una influenza molto... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Canazei (Trento)
Webcam a Canazei, in provincia di Trento (TN), regione Trentino Alto Adige.
Immagine Webcam - Serra San Bruno (Vibo Valentia)
Webcam Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valentia (VV), regione Calabria.... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Glossario Meteo. Lettera O - Da Ozono

Glossario Meteo. Lettera O - Da Ozono
 

Lettera O: Ozono, ...

Ozono, buco dell’

Assottigliamento dello strato di ozono negli strati più alti dell’atmosfera, dovuto alla presenza di cloro-fluoro-carburi prodotti dall’attività dell’uomo. Le conseguenze non sono certo da trascurare e possono diventare estremamente pericolose per tutti gli esseri viventi: l’ozono, infatti, è un componente costituente dell’atmosfera. Si forma dall’ossigeno quando si verificano particolari condizioni, si trova soprattutto nell’alta atmosfera (la sua concentrazione è massima a 20-25 km di altezza), in quantità esigue negli strati bassi. Esso svolge l’importante funzione di sbarrare la strada alle radiazioni ultraviolette, letali per la vita nella Terra. Nello svolgere questa funzione però subisce una trasformazione chimica e deve perciò riformarsi. I cloro-fluoro-carburi quando arrivano nella Stratosfera si decompongono a contatto con gli ultravioletti, liberando cloro. Il cloro ha la capacità di distruggere le molecole di ozono e così i raggi ultravioletti possono penetrare nell’atmosfera. L’aggressione dell’ozono si ha anche da parte dell’acido solforico proveniente dalle eruzioni vulcaniche. Il periodo autunnale è quello a maggior rischio e ogni anno la situazione peggiora. L’anno peggiore è stato il ‘94 quando l’assottigliamento dello strato di ozono ha raggiunto il 70%. Si sentono sempre di più notizie su casi di tumore alla pelle, di animali diventati ciechi ecc... Le alternative esistono già ma sono difficili da attuare, comunque nel ‘90 a Londra ben 74 paesi hanno deciso di eliminare del tutto la produzione dei CFC e nel ‘92 a Bruxelles i Paesi facenti parte della CEE hanno deciso di bandire entro il … questi prodotti nocivi.




 


Stampa